Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
L'appuntamento
Tutta l'azione di sviluppo, manutenzione e promozione viene svolto da una commissione, presieduta dall'Assessore al Turismo
immagine

 

CASTEL GANDOLFO (RM) - La Regione Lazio è la prima a dotarsi di uno strumento normativo organico che metta a sistema i Cammini, le Vie storiche ed i Sentieri della regione. Si tratta della necessaria premessa per uno sviluppo duraturo nel tempo di un grande patrimonio ambientale, culturale ed umano con un enorme potenziale turistico. Questo sarà il tema della presentazione della Legge sulla Rete dei Cammini del Lazio (LR 2/2017) che si terrà venerdì 31 marzo alle ore 17.00 presso la Sala Petrolini in via Prati,6 a Castel Gandolfo e a cui è prevista anche l’intervento di Eugenio Patanè, consigliere regionale e primo firmatario del progetto di legge.

Con la creazione della Rete dei Cammini del Lazio e del Catasto dei Sentieri si definisce una certezza sui percorsi e sulla loro manutenzione; tutta l'azione di sviluppo, manutenzione e promozione viene svolto da una commissione, presieduta dall'Assessore al Turismo, che vedrà coinvolti organismi come i parchi regionali ed il CAI, ma anche rappresentanti dei territori e delle associazioni espressi da un forum.

Importantissime novità, mutuate dal Cammino di Santiago, sono introdotte dalla Legge sulla Rete dei Cammini del Lazio in tema di accoglienza: le Case del Camminatore e l'accoglienza non lucrativa presso private abitazioni. Si tratta di un'innovazione di ampio respiro che dà al sistema dei Cammini, delle Vie storiche e dei Sentieri nuovi e determinanti strumenti di sviluppo.

Durante la conferenza vi saranno gli interventi del consigliere regionale Eugenio Patanè, del Sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi e di Marco Aguiari, Presidente del Comitato Via Francigena del Sud. Alla fine della relazione i rappresentanti delle associazioni potranno rivolgere al consigliere Eugenio Patanè domande sul tema.

All'incontro saranno presenti anche le due Aree Naturali Protette attraversate dalla Via Francigena del Sud, Parco regionale dei Castelli Romani e Parco Appia Antica.
 

Rifiuti
Il sindaco Nicola Marini: "Un ringraziamento a tutti i cittadini che hanno permesso questo risultato. Un impegno mantenuto"
immagine

 

ALBANO LAZIALE (RM) - Il Consiglio comunale durante la seduta di martedì 28 marzo ha approvato la riduzione della tariffa TARI per l’anno 2017 di circa il 5%. Il Sindaco di Albano Laziale ha commentato: «Un risultato dovuto, in particolare, allo sforzo fatto per estendere il servizio di raccolta differenziata a tutto il territorio comunale. Un ringraziamento – ha aggiunto il primo cittadino - a tutti i cittadini che hanno permesso questo risultato. Un impegno mantenuto. Questo ulteriore traguardo ci spinge a continuare con convinzione sulla strada dei comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Prossima tappa sarà la Tariffa Puntuale, con la quale si potrà valutare non solo la quantità, ma anche la qualità dei rifiuti prodotti con una progressiva informatizzazione del servizio».

Eventi
Iniziato oggi il Catasto delle Alberature: uno strumento fondamentale per una capillare gestione del verde
immagine

 

Red. Eventi
 
CERVETERI (RM)
- Oggi grande festa sotto la quercia di largo Almunecar a Cerveteri: insieme a 110 bambini della scuola Montessori l’Amministrazione comunale di Cerveteri, insieme all’Associazione di volontariato Scuolambiente ha festeggiato l’arrivo della Primavera dando il via ad un importante iniziativa portata avanti dalla Multiservizi Caerite in collaborazione con L'Assessorato all'Ambiente del Comune di Cerveteri: il Catasto delle Alberature.


“Abbiamo voluto dare il via a questo progetto partendo dai bambini, che oggi hanno dato alla nostra bellissima quercia il numero 1 – ha dichiarato Elena Gubetti, Assessora all’Ambiente del Comune di Cerveteri – la numerazione consisterà in un censimento puntuale di ogni alberatura comunale, mediante l’apposizione di un cartellino con numero identificativo. Per ogni pianta sono registrate e informatizzate in un database le seguenti informazioni: numero ID, Specie, diametro del fusto, altezza, localizzazione e coordinate geografiche. Uno strumento che sarà fondamentale per una capillare gestione del verde in quanto solo grazie ad una conoscenza approfondita è possibile eseguire una pianificazione ed una gestione attenta e puntuale”.


“Il catasto – spiega l’Assessora Gubetti - nel rispetto della legge n°10 sugli Spazi Verdi Urbani del 14 gennaio 2013, agevolerà l'esecuzione del bilancio arboreo tra gli alberi abbattuti e piantati. Grazie alla mappatura degli alberi presenti, sarà messo a punto il piano delle nuove piantagioni arboree nelle aree dove mancano. Questo permetterà poi un più facile individuazione di piante segnalate dal personale della Multiservizi, del Comune e dei privati cittadini”.


“Oggi a Cerveteri non abbiamo dato solamente il via ad un’iniziativa davvero molto utile per il nostro patrimonio arboreo – prosegue il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci - candideremo infatti la grande quercia ad Albero Monumentale d'Italia. Invieremo infatti al Corpo Forestale dello Stato la scheda tecnica del nostro meraviglioso albero affinché venga inserito all'interno dell'elenco degli alberi monumentali e in quanto tale venga protetto e tutelato. Colgo l’occasione per lanciare un appello a tutta la cittadinanza affinché ci segnalino altri alberi presenti sul nostro Territorio che possano essere tutelati dal comune così come previsto dal Censimento degli Alberi Monumentali. Un altro passo in avanti compiuto nella direzione della Tutela del Nostro Ambiente. Ci tengo a ringraziare sentitamente la Multiservizi Caerite, ed in particolar modo al Direttore Tecnico del Verde l'Agronomo Michele Baldasso che hanno coordinato il progetto e l’Associazione Scuolambiente che ha condiviso con i bambini questa bellissima mattinata”.
 

 

Elezioni amministrative
Partecipata l'assemblea degli iscritti dove ci si è confrontati sulle prossime elezioni amministrative
immagine

 

C.R. 

 

NEMI (RM) - Una delegazione del Pd verificherà se ci saranno i presupposti per un accordo a sostegno della candidatura di Carlo Cortuso a Sindaco di Nemi. Cortuso è sceso in campo sostenuto dalla lista civica Ricomincio da Nemi e finora è l’unico ad aver ufficializzato la propria candidatura. La sua è una lista civica apartitica ma a quanto pare, ha incontrato l’interesse della maggioranza degli iscritti del Pd e non solo. Questo in sintesi quanto emerso dall’assemblea degli iscritti con all'ordine del giorno : discussione e confronto sulle prossime elezioni amministrative promossa dal segretario del Partito Democratico di Nemi Azzurra Marinelli.

Quest’ultima insediatasi a febbraio scorso si è da subito mobilitata per riunire i tesserati del partito: “Con l’Albo delle primarie alla mano – ha detto Marinelli – ho contattato quasi tutta la comunità del Pd e delle persone orientate intorno al partito per essere certa che qualsiasi decisione fosse presa rispetto le prossime amministrative sia frutto di condivisione e concertazione”. E sembrerebbe che l’obiettivo sia stato raggiunto in quanto la sala dove gli iscritti Pd si sono riuniti era gremita di persone.

Condivisione è stata espressa anche rispetto a delle linee programmatiche a cui Marinelli sta lavorando da tempo e che vedono al centro una particolare attenzione all’ambiente e ad un turismo ecosostenibile. Su questi punti forse si è creato un particolare interesse per i temi che Cortuso sta affrontando come la tutela del verde e del territorio. Marinelli ha espresso quella che è stata una decisione unanime del partito che rappresenta: “Al momento non siamo orientati sul presentare un candidato Pd, sebbene non intendiamo sciogliere le riserveal proposito – ha detto – ma abbiamo dato vita ad una delegazione composta da Maria Irene Zanon, Antonella Serena Licciardi e Paolo Garofalo per verificare se ci sono i presupposti per sostenere l’unico candidato in lizza oggi: Carlo Cortuso. Il partito è ufficialmente orientato su questa linea. Ovviamente qualora non vi siano le condizioni proficue per un accordo punteremo ad un nostro candidato come naturale che sia”. L’auspicio ha detto Marinelli è che si possa trovare una sintesi di tutte le forze di ambientalisti e progressisti a Nemi. Probabilmente, quest’ultimo, è un appello lanciato affinché non venga disperso il voto in nuove e improbabili realtà che non conoscono il Paese e che anzi lo vivono dal di fuori. 

Cronaca
L'uomo non aveva tenuto conto del lavoro capillare degli investigatori che monitorano scrupolosamente il territorio
immagine


ALBANO LAZIALE (RM) - Era diventato il punto di riferimento per gli giovani assuntori di eroina dei Castelli Romani. Si faceva chiamare Alex l'uomo di nazionalità Marocchina C.K di anni 31 che nei controlli del fine settimana è stato arrestato dagli agenti della Squadra Anticrimine del Commissariato di Polizia di Albano.
Come ogni giorno, dopo essere stato contattato sul suo telefonino, per la consegna della droga dava appuntamento per i vicoli di Ariccia con l'intento di non essere notato.
L'uomo non aveva tenuto conto del lavoro capillare degli investigatori che monitorano scrupolosamente il territorio proprio per contrastare il fenomeno legato allo spaccio di stupefacente.
Durante la mattina, dopo essersi appostati, notavano l'extracomunitario arrivare sul posto a bordo della sua autovettura VW Golf ed avvicinare un noto tossicodipendente di Ariccia.
Dopo aver preso l'ordinazione e la somma dovuta, tentava di consegnare lo stupefacente, prima di essere fermato si dava alla fuga dapprima con la sua auto e una volta bloccata, scendeva a piedi e si allontanava per le campagne circostanti. Rincorso dagli agenti, veniva messo in sicurezza.
Durante la fuga disperdeva la droga nella vegetazione , tentando di occultare gli incassi precedenti.
Questo non impediva agli investigatori di arrestarlo per spaccio di sostanze stupefacente del tipo eroina.Presso il Tribunale di Velletri, ne veniva convalidato l'arresto.

Campidoglio a Cinque Stelle
La sindaca pentastellata: "Effettueremo ulteriori accertamenti e verifiche ma da quello che mi viene rappresentato dai miei stessi delegati non c'è alcuna irregolarità"
immagine

 

ROMA - Un'altra bufera politica da affrontare per il sindaco Virginia Raggi. Le 'Iene' denunciano in un servizio presunte irregolarità nella raccolta delle firme per la sua candidatura. Il Pd va all'attacco. la Raggi replica che verranno fatte ulteriori verifiche ma assicura che non c'è "nessuna irregolarità". "Se ho letto della presunta irregolarità delle firme per la mia candidatura? Sì lo abbiamo letto, sono venuti anche in montagna. Abbiamo sempre risposto tramite i delegati di lista, che sono peraltro due avvocati, mi hanno rassicurato. Comunque effettueremo anche ulteriori accertamenti e verifiche ma da quello che mi viene rappresentato dai miei stessi delegati non c'è alcuna irregolarità". Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, a margine di un'iniziativa, in merito alla denuncia delle 'Iene'.

"Virginia Raggi ora che sei tornata a Roma rispondi su tema #firmefalse denunciato dalle Iene". E' quanto chiede via Twitter il senatore del Partito democratico Stefano Esposito, lanciando l'hastag #trasparenza, al sindaco di Roma sulla vicenda delle firme false raccolte per la sua candidatura raccontata dalla trasmissione di Italia Uno.

"Servono - dice anche il deputato Pd Andrea Romano - risposte chiare e non balbettii come quello fornito dalla Sindaca che mancava poco dicesse all'inviato de "Le Iene" che era candidata a sua insaputa". "Dopo Palermo e Bologna - prosegue l'esponente Dem - firmopoli a 5 Stelle anche a Roma? Il servizio comparso nel corso della trasmissione "Le Iene" apre interrogativi enormi sulla validità delle firme raccolte nella Capitale per la candidatura di Virginia Raggi. Quanto sembra emergere dal servizio televisivo pare prefigurare una vera e propria truffa ai danni dei romani. Di Maio e Grillo hanno nulla da dire?".

Ricorrenza mondiale
L’assessore alle Politiche sociali, Elisabetta Valeri: “auspico un dialogo costruttivo con le realtà del territorio"
immagine

 

GENZANO DI ROMA (RM) - Domenica 2 aprile, in occasione della Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo, il Comune di Genzano di Roma organizzerà l’evento informativo ‘Autismo, la sfida dei Castelli Romani’ alle ore 9:00 presso Palazzo Sforza Cesarini in piazza Sforza Cesarini.
Dopo il saluto iniziale del sindaco di Genzano di Roma, Daniele Lorenzon, sono in programma gli interventi dell’assessore alle Politiche sociali, Elisabetta Valeri, dell’Associazione Condividi l’Autismo Onlus, dello staff che ha realizzato il docu-film ‘Otto passi avanti’ e della psicologa dell’età evolutiva, Laura Casula. Seguirà un dibattito con gli ospiti presenti in sala.
“Anche il nostro Comune aderisce alla Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo – ha dichiarato il sindaco di Genzano di Roma, Daniele Lorenzon –. Con questa iniziativa intendiamo sensibilizzare i nostri concittadini su un tema così delicato e al tempo stesso manifestare la nostra vicinanza alle persone affette da autismo ed alle loro famiglie”.
Un attenzione particolare viene rivolta alle istituzioni scolastiche dall’assessore alle Politiche sociali, Elisabetta Valeri: “auspico un dialogo costruttivo con le realtà del territorio, soprattutto in questa occasione. Esprimo rammarico per la mancata partecipazione delle scuole ad altri eventi che abbiamo organizzato, mi auguro questa volta un’adesione maggiore”. 

Cronaca
Il conducente è morto sul colpo, mentre gli altri due ragazzi sono stati trasportati in gravi condizioni in ospedale
immagine

 

ANZIO (RM) - Tragico incidente nella notte in via Nettunense ad Anzio. Un’auto, una Daewoo Matiz con a bordo tre ragazzi si è ribaltata al km 37.200. Sul luogo dell’incidente ad Anzio sono intervenuti i vigili del fuoco del comando di Roma che hanno estratto dalle lamiere dell’abitacolo due dei tre ventenni rimasti coinvolti mentre il terzo era già fuori dalla vettura. Il conducente è morto sul colpo, mentre gli altri due ragazzi sono stati trasportati in gravi condizioni in ospedale. L’intervento è durato fino all’una del mattino e la strada è stata chiusa in entrambi i sensi di marcia.

Ambiente & Territorio
“L’abbassamento del livello del Lago di Bracciano è costante e gravissimo e mette in serio pericolo il valore dell’intero ecosistema dello specchio d’acqua laziale"
immagine


Red. Cronaca

BRACCIANO (RM)
- “L’abbassamento del livello del Lago di Bracciano è costante e gravissimo e mette in serio pericolo il valore dell’intero ecosistema dello specchio d’acqua laziale. - dichiarano in una nota Vanda Soriente Presidente del Comitato “Difendiamo il nostro Lago” e di Piergiorgio Benvenuti, Presidente Nazionale del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale - Per questo, - prosegue la nota congiunta - come avevamo preannunciato in questi giorni, il Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale insieme al Comitato “Difendiamo il nostro Lago” hanno già raccolto le prime 300 firme che verranno inoltrate alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo”. “Ribadiamo che risulta grave mettere a rischio il  Lago di Bracciano per le captazioni di Acea finalizzata a compensare gli acquedotti laziali prosciugati a causa della siccità e dell’innalzamento delle temperature anche invernali,  mentre nulla viene fatto per la manutenzione degli acquedotti sempre più colabrodo come quello di Roma che spreca nella propria rete ben il 44,4% della risorsa idrica”. “Chiediamo un immediato STOP alle attività che mettono in serio pericolo il bacino lacustre ma soprattutto che stanno mettendo a rischio il prestigioso valore ecosistemico e le bellezze ambientali e paesaggistiche  del Lago”. “E' di scarso interesse per i cittadini il Derby sulle responsabilità, riteniamo bensì necessarie soluzioni immediate, e per questo non avendo ricevuto adeguate risposte dagli Enti di controllo presenti, siamo stati costretti a rivolgerci alla Commissione Petizioni del Parlamento Europeo attraverso una raccolta di firme che proseguirà nei prossimi giorni”.
 

Cronaca
Per il futuro sviluppo dell'Unione, la Finlandia sottolinea un giusto equilibrio tra ambizione e realismo
immagine



di Gianfranco Nitti

ROMA
- Il primo ministro di Finlandia, Juha Sipilä, ha partecipato a Roma alla riunione che contrassegnava il 60 ° anniversario dei Trattati di Roma, sabato 25 marzo scorso. Nel corso della stessa, i capi di Stato e di governo dei 27 Stati membri dell'Unione Europea hanno adottato una dichiarazione che definisce una visione comune per il futuro dell'Unione.
Inoltre il primo ministro Sipilä il 24 marzo ha fatto parte del gruppo di capi di Stato e di governo dell'UE  ricevuto in udienza da Papa Francesco in Vaticano. In precedenza, lo stesso giorno, Sipilä aveva co-ospitato un seminario economico finlandese-italiano presso l'Ambasciata di Finlandia, con imprenditori italiani con interessi in Finlandia e rappresentanti di aziende finlandesi, quali le società Nokia, Finnlines, Comptel, Wärtsilä e Kalmar / Cargotec. In serata, il primo ministro ha quindi ospitato un ricevimento per celebrare il centenario dell'indipendenza della Finlandia, Suomi 100, che si è svolto nella suggestiva cornice di Villa Lante su Gianicolo, l'Istituto finlandese a Roma. Sipilä ha ricordato la lunga tradizione di valori comuni tra i due paesi, e pannelli in italiano diffusi nelle sale di Villa Lante erano utili per informare gli ospiti italiani delle conquiste della Finlandia nel corso degli ultimi 100 anni.
L'evento è stato molto affollatp ed ha registrato anche la visita del Ministro degli Esteri italiano, Angelino Alfano, che ha sottolineato la lunga storia di buone relazioni tra i due paesi, formulando gli auguri dell’Italia per il centenario della Finlandia.

La firma della Dichiarazione di Roma

Come accennato, il Premier aveva il compito a firmare la Dichiarazione di Roma per conto della Finlandia.
La Dichiarazione di Roma è legata alla discussione sul futuro dell'Unione Europea (la cosiddetta roadmap  di Bratislava), lanciata la scorsa estate dopo il referendum Brexit nel Regno Unito. I capi di Stato e di governo dell'UE hanno discusso il futuro della UE in diverse occasioni. La Dichiarazione che è stata siglata il 25 marzo si basa su queste discussioni. Per il futuro sviluppo dell'Unione, la Finlandia sottolinea un giusto equilibrio tra ambizione e realismo, sottolineando che è importante garantire che l'UE rimanga unita e funzioni senza problemi, concentrandosi sulle questioni più essenziali, in particolare la crescita e la sicurezza. La Finlandia ritiene che procedere a ritmo diverso nell'Unione sia possibile, per quanto ciò sia consentito all'interno dei Trattati e a condizione che il processo sia aperto a tutti gli Stati membri.
Il Trattato della Comunità Economica Europea e il Trattato della Comunità Europea dell'Energia Atomica furono sottoscritti a Roma il 25 marzo 1957 da sei paesi e sono noti congiuntamente come i Trattati di Roma. Dai Trattati di Roma sorse la Comunità Economica Europea, che in seguito divenne l'Unione Europea.

La Dichiarazione di Roma:
http://www.consilium.europa.eu/it/press/press-releases/2017/03/25-rome-declaration/
 

Inizio
<< 10 precedenti
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX GIORNALE DI OGGI SEPARATORE 5PX L’Osservatore d’Italia - Ultima edizione SEPARATORE 5PX OSSERVATORELAZIALETV SEPARATORE 5PX CARLOCORTUSOINTERVISTA SEPARATORE 5PX OFFICINASTAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DA LEGGERE SEPARATORE 5PX CHIARA RAI EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX TOROSANTUCCI EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX ANGELO BARRACO EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX ANGELO BARRACO EDITORIALE SEPARATORE 5PX EMANUEL GALEA EDITORIALE SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE COMMENTO SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE COMMENTO SEPARATORE 5PX ROBERTO RAGONE COMMENTO SEPARATORE 5PX GIUSY ERCOLE LA NOTA SEPARATORE 5PX L'INCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact