Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
L'evento
Numerose le personalità politiche e istituzionali che sin dal mattino di oggi raggiungeranno Marino per ascoltare la S.Messa
immagine

Redazione

Marino (RM)Tremila litri di vino, cento quintali circa d’uva che sgorgheranno da quattro fontane: la Fontana dei Mori, quella di Villa Desideri, quella posta a metà corso in via Fratelli Rosselli e quella nel Giardino di Borgo Garibaldi nell’attesissimo miracolo delle fontane in programma domanica, domenica 5 ottobre (alle ore 17,30) e lunedi' 6 ottobre alle ore 18.

IL CORTEO - Oltre cinquecento saranno tra figuranti e sbandieratori messi insieme, come ogni anno, dalle associazioni Lo Storico Cantiere e Arte e Costumi Marinesi per il tradizionale corteo storico di rievocazione della battaglia di Lepanto vinta dalle flotte cristiane a bordo delle quali tra i condottieri vi era anche Marcantonio Colonna, signore di Marino, che nel corteo storico sarà impersonato dall’attore Lorenzo Flaherty, affiancato da Anna Falchi nei panni della consorte Felice Orsini.  

Il corteo partirà, diviso come di consueto in due tronconi alle ore 15,30 da Villa Desideri con Marcantonio a cavallo e da Palazzo Colonna. I due consorti si incontreranno in piazza Matteotti dove il principe Colonna leggerà il suo proclama di vittoria, di festa e di pace per il popolo di Marino.

Numerose le personalità politiche e istituzionali che sin dal mattino di oggi raggiungeranno Marino per ascoltare la S.Messa, officiata dal vescovo di Albano, S.E. Monsignor Marcello Semeraro e partecipare poi alla solenne processione nella quale sfilerà l’antica macchina processionale della Madonna del Rosario alla quale è dedicata la supplica.

LE PRESENZE ISTITUZIONALI - Saranno in città: il senatore Bruno Astorre, l’onorevole Daniele Leodori, presidente del Consiglio regionale del Lazio,  il consigliere regionale Simone Lupi, delegato dal presidente della Regione, Nicola Zingaretti, i consiglieri regionali Adriano Palozzi, ex sindaco di Marino e Mario Abbruzzese, ex numero uno della Pisana.

In rappresentanza dei comuni limitrofi ci saranno con i rispettivi gonfaloni: il vicesindaco di Albano, Maurizio Sementilli, il sindaco di Castelgandolfo, Milvia Monachesi, il sindaco di Ciampino, Giovanni Terzulli, il sindaco di Grottaferrata, Giampiero Fontana, entrambi neoeletti e alla prima partecipazione alla Sagra dell’Uva con la fascia tricolore, il sindaco di Ischia, Giuseppe Ferrandino e l’assessore alla Cultura del comune isolano, Isidoro Di Meglio, il sindaco di Monteporzio Catone, Emanuele Pucci e il primo cittadino di Rocca Priora, Damiano Pucci.

Da Palazzo Valentini, sede della Provincia di Roma, giungerà solo il gonfalone nel giorno in cui si terranno le prime elezioni indirette del Consiglio dell’Area Metropolitana, ente che di fatto dopo oltre un secolo e mezzo sostituirà la Provincia.

Non mancheranno le autorità militari che vedranno schierati: il tenente colonnello Luciano Magrini, comandante del Gruppo Carabinieri di Frascati, il Maggiore Luigi Aureli, comandante di Compagnia dei Carabinieri di Castelgandolfo, il comandante della Stazione dei Carabinieri di Marino, il luogotenente Simmaco Vigilante, il tenente colonnello Giuseppe Pastorelli, comandante del gruppo Guardia di Finanza di Frascati, il tenente Ambrogio Di Napoli, comandante del Nucleo Operativo della Guardia di Finanza di Frascati.  

L’appuntamento per tutti, prima della S.Messa, è alle 9 a Palazzo Colonna dove ci saranno ad attenderli il sindaco di Marino, Fabio Silvagni e altri rappresentanti dell’Amministrazione e del Consiglio comunale per un formale saluto di benvenuto alla 90esima edizione della Sagra dell’Uva.

PARCHEGGI - A disposizione di tutti gli ospiti che raggiungeranno Marino ci sarà in pieno centro il parcheggio a pagamento sotterraneo di piazzale degli Eroi e tre parcheggi liberi nelle aree limitrofe: a Cave di Peperino, nei pressi della Stazione Ferroviaria, in piazzale Caduti delle Foibe, vicino al cimitero comunale, in largo Zaccaria Negroni, vicino allo stadio comunale, location studiate dalla Polizia Locale di Marino per favorire un arrivo e un deflusso sereni all’inizio e alla fine della giornata clou.

EVENTO SOCIAL – L’Ufficio Stampa della Città di Marino sta seguendo in diretta Facebook la 90esima edizione della Sagra dell’Uva. Basta entrare nel celebre social network, cercare la pagina Ufficio Stampa Città di Marino, mettere un “mi piace” e cominciare a seguire i continui aggiornamenti in cronaca e foto.

Gli hashtag di riferimento sono #SagradellUva #SUM90 a sottolineare la novantesima edizione e #SUM (Sagra dell’Uva Marino) a ricordare il marchio ideato quest’anno dall’assessore alla Cultura, Arianna Esposito e destinato a durare nel tempo. Che dire: seguiteci!                                                                                    



Eventi & Sagre
Silvagni: “Ci saranno multe salatissime a chi tirerà fuori banchi e banchetti, non faremo sconti a nessuno”.
immagine

di Chiara Rai

Marino Laziale (RM) - Novantantesimo anno per la storica Sagra dell’Uva di Marino, l’ultima edizione per inciso … l’ultima gratis per i visitatori intendiamo.

Il “sindaco operaio” Fabio Silvagni è riuscito a rivoluzionare anche questa antichissima manifestazione oltre alla maniera di governare la città castellana: parlando “a tu per tu” senza giri di parole ne salamelecchi nei confronti di nessuno: “io sono così – ha detto a margine della conferenza stampa - se mi vogliono bene, altrimenti torno a fare l’operatore ecologico”.

Le novità di questa Sagra dell'Uva, seguita in primis dall’assessore Arianna Esposito è il costo: 12 mila euro di soldi dalle tasse dei cittadini più 180 mila euro dagli sponsor. Uno tra tutti la storica cantina sociale Gotto d’Oro che ha ospitato la presentazione della manifestazione che inizierà venerdì 3 ottobre e terminerà domenica 6 ottobre. E che è annoverata tra i maggiori sponsor della sagra.

Anna Falchi come madrina d’eccezione, concerti con nomi celebri della musica italiana quali Enrico Ruggeri ed Edoardo Bennato. Tra le novità, un expò tutto marinese dove sfileranno le aziende vitivinicole in un connubio con l‘enogastonomia del territorio. Molto lo spazio dedicato alle associazioni di Marino, zoccolo duro della costante diffusione di tradizione e popolarità. Una sagra con un nuovo logo, una sola parola che riassume tutto: “la nostra è la sagra più antica di Europa – ha detto l’ex sindaco di Marino Adriano palozzi che ha presenziato all’evento alla Gotto d’Oro – “SUM” è il sunto di tutto”.

Non sono mancati gli auguri del presidente Gotto d'Oro Luigi Caporicci: “sara una sagra bellissima – ha detto Caporicci - noi della Gotto d’Oro la sentiamo anche nostra come del resto siamo molto attaccati al territorio di Marino”. Del resto c’è anche un serie di vini che si ispirano a Marino.

In ultimo l’avvertimento del primo cittadino Fabio Silvagni in merito al rispetto dell’ordinanza sindacale: banditi gli ambulanti, i paninari e quant’altro. “Ci saranno multe salatissime – ha detto Silvagni - a chi tirerà fuori banchi e banchetti, non faremo sconti a nessuno”.

Tra le chicche una fiera turistica dedicata al territorio dei Castelli Romani alla quale hanno aderito ben nove Comuni dell'area che porteranno le loro tipicità in vetrina a Marino: “I comuni dei Castelli – ha detto Esposito – iniziano a capire che bisogna fare sistema, unirsi e promuoversi senza guardare ognuno al proprio orticello e basta”.

Eventi & Sagre
Silvagni/Esposito: " Il nostro grazie a tutti quelli che, con la loro presenza e il loro sostegno, ci permettono di rendere possibile un evento così importante per la nostra Città."
immagine

Redazione
Marino Laziale (RM)
- Scadranno il prossimo 6 agosto (ore 12), i termini di presentazione delle proposte di sponsorizzazione da parte di soggetti e/o enti pubblici e privati che Palazzo Colonna sta acquisendo in vista della 90ma edizione della Sagra dell’Uva, manifestazione di risonanza internazionale in programma, come da tradizione, per la prima settimana di ottobre.
 
A darne notizia il sindaco Fabio Silvagni con l’assessore alla Cultura, Turismo e Attività produttive Arianna Esposito che, informando come al progetto per i novanta anni di vita della Sagra, la più antica d’Italia, da mesi siano già al lavoro gli organizzatori e le associazioni, rendono noto come l’avviso completo relativo al reperimento di sponsorizzazioni e la scheda di adesione siano presenti sul sito istituzionale www.comune.marino.rm.it, sezione Notizie al Cittadino.
 
Le domande, che dovranno riportare all’oggetto Adesione Sponsor Sagra dell’Uva 2014, dovranno essere indirizzate a Ufficio Protocollo Comune di Marino, Settore Cultura, piazza della Repubblica 1.
 
Ideata nel 1925 dal poeta e drammaturgo Ercole Pellini (noto con lo pseudonimo di Leone Ciprelli) per diffondere in Italia e nel mondo l’immagine di Marino e del suo prodotto vinicolo, oltre alle specifiche iniziative a carattere religioso che culminano la domenica mattina con la solenne processione storica con la statua della Madonna del SS. Rosario portata a spalla e la benedizione dell’uva, la manifestazione consta di elementi a carattere storico e di forte attrattiva culturale e promozionale. Tra questi il miracolo delle fontane che danno vino, al quale è legata la celebre canzone romanesca «Nannì» ovvero «Na gita a li Castelli» di Ettore Petrolini e il corteo in costume rinascimentale con circa 500 figuranti che rievoca il vittorioso ritorno del principe Marcantonio Colonna dalla battaglia di Lepanto del 1571.
 
«A 85 giorni dall’inizio di una festa che, ormai da 90 anni, coinvolge tutta la comunità – afferma il sindaco Fabio Silvagni di concerto con l’assessore Arianna Esposito -  siamo pronti a muoverci, insieme al territorio, per far sì che, ancora una volta, a parlare il linguaggio della tradizione e della cultura sia la nostra città, con le sue eccellenze, potenzialità e specificità. A dimostrazione di quanta bellezza sappia produrre. Insieme ai tanti che, ogni anno sempre più numerosi, ci affiancano in questa manifestazione – sottolinea - racconteremo, per il novantesimo anno, un traguardo importante, la nostra storia. Quella di un popolo di viticoltori che, già dall’età romana, ha visto nella coltura della vite la sua fonte di lavoro e sostentamento principale. Nel rispetto delle limitazioni del bilancio comunale e degli impegni imprescindibili ai quali la macchina amministrativa comunale ogni giorno deve far fronte – fa sapere ancora – fondamentale, sarà, anche quest’anno, la presenza di contributi e sponsorizzazioni. Il nostro grazie a tutti quelli che, con la loro presenza e il loro sostegno, ci permettono di rendere possibile un evento così importante per la nostra Città. Un ulteriore strumento per parlare di Marino al mondo e avvicinare sempre più visitatori alla tradizione, cultura ed eccellenze di una realtà unica».
 

Eventi & Manifestazioni
In programma da venerdì 4 a lunedì 7 ottobre 2013
immagine

IN FONDO ALL'ARTICOLO VIDEO SERVIZIO SU CONFERENZA DI PRESENTAZIONE SAGRA DELL'UVA 2013 AL SALOTTO DEL VINO DELLA GOTTO D'ORO

 

Redazione

Marino (RM) - Sebastiano Somma e Milena Miconi a rappresentare Marcantonio Colonna e la sua sposa Felice Orsini. I cantanti Alex Britti e Giuliano Palma accompagnato dall’orchestra di Zelig a salire sul palco di piazza San Barnaba. E poi antiche fraschette riproposte nel loro essere punto di degustazione e aggregazione, un percorso all’interno dell’arte vinificatoria con antichi strumenti, momenti di degustazione di vini accompagnati da sommelier, una mostra di etichette artistiche applicate su vini eccellenti del territorio, un punto di accoglienza suggerimenti e idee nuove da parte dei cittadini dal punto di vista agricolo con la proposta di un arricchimento della manifestazione con ricordi e tradizioni che fanno parte della cultura del territorio. E poi teatro, mostre, fiere all’insegna di natura, arti, mestieri e artigianato a mettere in evidenze le eccellenze locali.
 
Sono questi gli elementi principali che caratterizzano la 89ma edizione della Sagra dell’Uva di Marino in programma dal 4 al 7 ottobre prossimi. Ideata nel 1925 dal poeta Leone Ciprelli, è la manifestazione di genere più antica d’Europa. Finalizzata alla promozione del turismo, del commercio, della cultura e delle tradizioni che hanno reso celebre la città nel mondo, vede quale tema «Marino, cultura e tradizioni».
 
A snocciolarne dettagli e novità l’Amministrazione che oggi, 1 ottobre, nella cantina sociale Gotto d’Oro presieduta da Luigi Caporicci, tramite gli assessori alla Cultura e alle Attività produttive Arianna Esposito e Giuseppe Bartolozzi ha incontrato i rappresentanti degli organi di stampa nazionali e locali.
 
«E’ un momento in cui la nostra comunità, che ringrazio a tutti i livelli per la collaborazione – ha detto il vice sindaco Fabrizio De Santis -  si ritrova unita e, nel suo investire energie, ogni anno dà vita ad un miracolo. Quello delle cantine storiche, che offrono la possibilità di gustare le delizie enogastronomiche locali. Della sfilata in costume d’epoca che, rievocando il ritorno vittorioso a Marino di Marcantonio Colonna del 1571 dalla battaglia di Lepanto, vede il coinvolgimento di oltre cinquecento figuranti. Per arrivare al vero miracolo, quello delle «fontane che danno vino», reso eterno dalla canzone di Ettore Petrolini «’Na gita a li Castelli». Una festa pagana che non diventa tale prima di essere passata attraverso un momento di forte religiosità con la comunità riunita intorno alla Beata Vergine del SS. Rosario che, con intimo raccoglimento, partecipa alla Santa Messa e alla Processione Solenne per le vie del centro storico animata dalle Confraternite».
 
Ospite della conferenza il maestro Ennio Calabria, uno tra i più significativi esponenti del figurativismo europeo autore della locandina 2013 che, come tradizione, è realizzata da un importante nome del mondo dell’arte, della musica e del cinema.
 
Presente Vittorio Storaro, il più famoso direttore della fotografia, più volte Premio Oscar, capace di «Scrivere il cinema con la luce» e per questo definito il riassunto vivente della più elevata cinematografia mondiale. A lui, marinese d’adozione, verrà conferita la cittadinanza onoraria venerdì 4 ottobre a Palazzo Colonna (ore 16).
 
Madrina della cerimonia, che ha visto la presenza del consigliere regionale, già sindaco di Marino, Adriano Palozzi, l’attrice e conduttrice televisiva Patrizia Pellegrino.
 
Presenti altri rappresentanti di Palazzo Colonna tra i quali il presidente del Consiglio comunale Stefano Cecchi, l’assessore Gianfranco Bartoloni e i consiglieri Biagio Cianci, Emiliano Pagliarini e Simone Del Mastro. Con loro il direttore della Multiservizi dei Castelli Aldo Crisanti. A rappresentare le Forze dell’Ordine il comandante della stazione dei Carabinieri di Santa Maria delle Mole, m.llo Marcello Michienzi e il maggiore Luigi Aureli, comandante Compagnia di Castel Gandolfo.
 
Realizzata con il patrocinio e il contributo di Regione Lazio e Provincia di Roma e il sostegno di numerosi sponsor tra i quali BCC Marino, Gotto d’Oro, Multiservizi dei Castelli di Marino e Cogianco, la Sagra dell’Uva, come tradizione, vede la collaborazione delle associazioni del territorio, dei comitati di quartiere e della Pro Loco di Marino che quest’anno compie i 40 anni di attività.
 
Un grazie a tutti loro per la presenza e la collaborazione costante è stato espresso dall’Amministrazione che non ha mancato di estendere riconoscenza alle Forze dell’Ordine, alla Croce Rossa di Marino, alla Protezione Civile e a tutti coloro che, a vario titolo, si sono resi disponibili e collaborativi per la realizzazione della manifestazione con un’attenzione particolare alla sicurezza.
 
«Con i suoi perché, il suo passato e il suo futuro – ha detto l’assessore alla Cultura Esposito - la Sagra è ogni anno esclusiva, irripetibile, indimenticabile ma, indissolubilmente, legata a tutte le altre. A tracciare un filo immaginario attraverso il tempo che parla di Marino e della sua storia».
 
Di storia ha parlato anche l’assessore alle Attività Produttive Bartolozzi che, nel sottolineare il valore di una festa di popolo che ha raggiunto quasi il secolo di vita, ha anticipato come la stessa , non solo evento fine a se stesso, possa essere posta al servizio della comunità per il recupero di antichi mestieri.
 
Del significato profondo del condividere momenti di celebrazione del vino quale coesione delle individualità ha parlato il maestro Ennio Calabria che ha evidenziato come ogni anno di più, nella tradizione, vi sia la sperimentazione di nuove prospettive.
 
Di celebrazione di un connubio tra le arti del territorio espresse nella loro globalità ha parlato invece Vittorio Storaro che ha invitato a riflettere sul perché, nonostante tutto, la Sagra dell’Uva, pur nel suo quasi secolo di vita, continui a rappresentare un momento imprescindibile per la comunità e per le migliaia di visitatori che ogni anno arrivano a Marino per prendervi parte.
 
Un grazie a tutti per la preziosa presenza e l’apporto costruttivo offerto nella riscoperta e nella valorizzazione delle più antiche tradizioni è stato rivolto dal consigliere regionale Adriano Palozzi che, ricordando gli otto anni in cui, da sindaco, ha presieduto la manifestazione, di concerto con il vice sindaco De Santis ha sottolineato come la stessa sia sempre di più promossa all’insegna del risparmio. Poi, ringraziando la Regione Lazio e la Provincia di Roma per il sostegno conferito all’iniziativa, ha espresso riconoscenza a tutti coloro che, con i loro contributi e sponsorizzazioni, permettono di rendere possibile un evento entrato a far parte del patrimonio culturale regionale e non solo.
 

Inizio
<< 10 precedenti
10 successivi >>
DISTANZIATORE
Pubblicitá
L’Osservatore d’Italia - Ultima edizione DISTANZIATORE L’Osservatore d’Italia - Ultima edizione DISTANZIATORE DISTANZIATORE DISTANZIATORE
Seguici su
Rss
L'informazione indipendente del territorio Laziale
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact