Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Politica
"Il prossimo 25 giugno, i Cittadini di Grottaferrata non si lasceranno ingannare e voteranno sicuramente per il Buon Governo."
immagine

 

Redazione


GROTTAFERRATA (RM) - Riceviamo e pubblichiamo una nota di Udc-Alternativa Popolare: "Abbiamo letto la nota del Candidato Sindaco Andreotti dove parla giustamente di Capibastone consapevole che dietro ogni sua lista civica si nasconda un Politico capobastone; Il Candidato Sindaco è consapevole di non poter liberare Grottaferrata dagli interessi della politica partitocratica perché i Capibastone politici nascosti usciranno appena il bottino delle loro liste civiche si concretizzerà.


Andreotti, candidato sindaco, parla di ispirarsi ai principi di “limpidezza, modestia e sobrietà”, mentre dice di notare inciuci nella coalizione degli avversari, e dice di essere contrario a questo modo di fare politica legata alla vecchia partitocrazia asserendo di rappresentare l'esatto contrario con un progetto civico che antepone il bene e le necessità di Grottaferrata a ogni altro tipo di interesse.


Architetto, nonché candidato Sindaco, noi dell’UDC e di Alternativa Popolare abbiamo appoggiamo e continuiamo ad appoggiare il Candidato Stefano Bertuzzi alla luce del sole senza nasconderci, abbiamo esposto con orgoglio il nostro simbolo, non siamo avvezzi a inciuci e neanche li permettiamo.
Proseguendo nella lettura dell’articolo, caro Andreotti, dichiari che non cercherai accordi sottobanco con altre organizzazioni politiche che hanno partecipato alla competizione elettorale, che non prometterai mance e prebende a nessuno, però fai tue parte di programma del Movimento 5 Stelle a cui chiedi collaborazione nella ricerca di soluzioni condivise con l’amministrazione comunale di Roma in relazione alla questione dei rifiuti a Morena.


Forse ti manca il sostegno politico? Pensi di prendere qualcosa dalla Città al Governo, qualcosa da Fratelli d’Italia, una compagine molto trasversale, una coalizione molto condizionata dall’esterno e dai partiti politici e dai loro ‘capibastone,” che vanno dai Socialisti, Forzisti, a Direzione Italia, Area Democratica, qualche sottobosco PD, qualche dissidente di altri partiti, ma il 25, per fortuna, è vicino. NOI Vigileremo e staremo a vedere, dove si nascondono davvero gli interessi forti e la prepotenza che mascherate dietro a simboli civici. Il prossimo 25 giugno, i Cittadini di Grottaferrata non si lasceranno ingannare e voteranno sicuramente per il Buon Governo."

L'intervista
Il messaggio: fare il più possibile sintesi di programmi e progetti per liberare Grottaferrata dagli interessi della politica partitocratica dei “capibastone”
immagine

 

GROTTAFERRATA (RM) - Luciano Andreotti, candidato della coalizione civica in corsa per il ballottaggio nelle elezioni amministrative del comune di Grottaferrata, in programma il prossimo 25 giugno parla al cuore dei grottaferratesi e lo fa attraverso una dettagliata analisi del voto e della prospettiva futura della città in cui l’architetto candidato sindaco è nato e vissuto da sempre, ispirato da principi di “limpidezza, modestia e sobrietà”, attraverso i quali tuttavia riesce a comunicare tutto quello che, lui e la sua coalizione civica, intendono comunicare: fare il più possibile sintesi di programmi e progetti per liberare Grottaferrata dagli interessi della politica partitocratica dei “capibastone” con un appello finale all'orgoglio e alla libertà come risposta al forte astensionismo del primo turno.



Si stanno delineando convergenze, come vi muoverete?

“Più che convergenze, che trovo legittime, stiamo notando qualche "inciucio". Noi parleremo con la gente di Grottaferrata, con i cittadini spiegandoci con loro. Siamo contrari a questo modo di fare politica legata alla vecchia partitocrazia. È l'esatto contrario del nostro progetto civico che antepone il bene e le necessità di Grottaferrata a ogni altro tipo di interesse. Detto ciò è impossibile non notare come si siano create le condizioni per dar vita a un metodo amministrativo del tutto nuovo che coinvolga profondamente tutte le forze e le associazioni che si esprimono nel Consiglio comunale Non cercherò accordi sottobanco con altre organizzazioni politiche che hanno partecipato alla competizione elettorale. Non prometterò mance e prebende a nessuno”.



Come vi comporterete con le altre liste civiche?

“Estenderemo la nostra piattaforma civica anche ad alcuni punti programmatici degli altri candidati. Sosterremo con forza alcune impostazioni programmatiche avanzate dai nostri competitori. In particolare farò mie - coordinandole con le indicazioni esplicitate nel mio programma – le impostazioni sul sostegno alle fasce giovanili avanzate nel programma del Movimento 5 Stelle ai quali chiederemo anche di collaborare nella ricerca di soluzioni condivise con l’amministrazione comunale di Roma in relazione alla questione dei rifiuti a Morena. Sono quindi pronto a fare mie, sempre coordinandole con le indicazioni già presenti nel nostro programma, le impostazioni sul destino urbanistico della nostra città (ritiro della delibera 41, no all’ulteriore consumo territoriale ecc…) e sull’incentivazione di un dialogo costante fra mondo scolastico, famiglie ed educatori attraverso l’organizzazione di tavoli di partecipazione, avanzate da Città al Governo e le impostazioni sullo stalking bancario e sul sociale avanzate nel programma di Fratelli d’Italia. Tutto questo lo posso fare perché guido una coalizione forte e libera da ogni condizionamento esterno o derivante dai partiti politici e dai loro ‘capibastone’. Tutto questo lo devo fare perché il principio che mi guida è la creazione di una comunità sicura, solidale e coesa. Tutto questo lo voglio fare perché ho l’umiltà di ascoltare gli altri e imparare da loro”.



Da ultimo una considerazione sull'astensionismo?

“Più che da ultimo questa deve essere la premessa da considerare con molta preoccupazione. Un astensionismo record a Grottaferrata, quello del primo turno elettorale delle elezioni amministrative di quest’anno dovuto - io credo – alla sfiducia e alla disillusione della cittadinanza rispetto alle vicende comunali degli ultimi anni, ritengo necessario rimboccarsi le maniche e dare una buona amministrazione al nostro paese . Un dato è certo, gli elettori hanno premiato i progetti civici anziché i partiti. Siamo di fronte ad una grande opportunità che, allo stesso tempo, è anche un grande responsabilità. Abbiamo la possibilità di cambiare il modo di fare politica a Grottaferrata e non può essere disattesa. Per questo motivo, come detto prima, vanno ricercate al di là dei personalismi tutte le convergenze possibili con un unico scopo: la stabilità amministrativa di Grottaferrata. Staremo a vedere, adesso, dove si nascondono davvero gli interessi forti e la loro prepotenza che non prendono minimamente in considerazione il bene della nostra comunità. Il prossimo 25 giugno – io spero – prevarranno l’orgoglio e il desiderio di buon governo dei nostri concittadini”. 

Eventi
Giovedì 8 giugno ore 18 su www.officinastampa.tv
immagine

 

Redazione


GROTTAFERRATA (RM) - Apertura puntata dedicata alla tradizione romana con il gruppo dei Rugantini, quella di giovedì 8 giugno. Ad aprire la puntata di OFFICINA STAMPA, il web talk del giovedì condotto da Chiara Rai. ci sarà infatti il gruppo "I Rugantini" in autentico costume tradizionale. Ospiti in trasmissione i componenti della formazione musicale: Pino Caronia, chitarra e violino, Germana Servi voce e organetto, Carlo Cannatelli canto e fisarmonica.

Si parlerà poi della preziosissima collezione “Symposium” costituita da reperti archeologici recuperati dalla Guardia di Finanza e in esposizione permanente dal 30 maggio 2016 fino a qualche giorno fa a Palazzo Sforza Cesarini a Genzano sarebbe stata messa da parte dall’amministrazione comunale e già pronta per raggiungere il Museo Civico archeologico di Lanuvio e Palazzo Chigi di Ariccia. Il tutto per fare spazio alla mostra dell’artista ospite dell’Infiorata: “Un’allucinante destino, un atto che fa perdere la faccia ai genzanesi e un’occasione sfumata di poter accogliere la mostra con oggetti di inestimabile valore e bellezza in maniera permanente”. Questo il commento dell’ex sindaco di Genzano Flavio Gabbarini oggi consigliere d’opposizione e consigliere della Città Metropolitana di Roma Capitale. Gabbarini sarà ospite a Officina Stampa per meglio parlare di questo caso e dell’ “occasione persa”.

Non mancherà un momento dedicato al sociale con il consueto angolo condotto da Simone Carabella.

Sarà poi il momento dello sport con ScrivoNapoli in campo del giornalista Marco Martone, direttore del quotidiano Scrivonapoli.it

Bullismo e formazione il difficile ruolo di insegnanti e genitori. Si parlerà anche delle modalità di approccio al mondo della scuola da parte dei ragazzi,  come cercare di non rendere pesante l'approccio ai compiti a casa senza deludere le aspettative degli insegnanti? Come rendere autonomi i figli nell'approccio allo studio. Ospiti in studio la Dottoressa Francesca Bertucci, Psicologa-Psicodiagnosta dell’età evolutiva-Mediatore familiare e il Professor Luigi Inglese, preside e docente volontario all’Università Roma Tre Roma Tre presso la cattedra di Pedagogia generale. Da sempre attivo nel volontariato e nello sport.  

A chiudere, come consuetudine, il momento della rassegna stampa con Chiara Rai

La diretta, visualizzata da migliaia di utenti, sarà trasmessa a partire dalle 18 sui seguenti canali:

youtube OFFICINA STAMPA

www.officinastampa.tv

Facebook OFFICINA STAMPA

GUARDA LA PUNTATA DIRETTAMENTE SU QUESTA PAGINA A PARTIRE DALLE ORE 18 DI GIOVEDI' 8 GIUGNO 2017

Eventi
In studio il professor Agostino Messineo (La Sapienza) e la psicologa Antonella Lardino
immagine

 

Redazione


GROTTAFERRATA (RM)
- Una puntata interessante quella del web talk OFFICINA STAMPA condotto da Chiara Rai che sarà trasmesso in diretta dal Black Jack di Grottaferrata oggi 1 giugno a partire dalle ore 18:00 e che nella prima parte della trasmissione affronta fatti di cronaca che hanno destato sconcerto e polemiche per l’intera settimana.

Il piccolo Francesco è morto a soli 7 anni per un’otite non curata con antibiotici ma con farmaci omeopatici poi degenerata in encefalite. Massimiliano Mecozzi, indagato per la morte di Francesco, 7 anni, faceva parte di Roveto Ardente, gruppo mistico nato in provincia di Varese, che riteneva la preghiera l'unico farmaco in grado di guarire. Insieme ai suoi adepti celebravano matrimoni vestiti "da cavalieri del mondo di Camelot". L’uomo, poi, nel 2011 esce dal gruppo religioso e accusa i componenti prima di truffa, poi di riduzione in schiavitù. Finisce in nulla, perché il giudice, nella sentenza di proscioglimento, spiega che le donazioni al gruppo sono state volontarie e che nessuno degli adepti ha voluto trarre profitto da quel denaro. Adesso i genitori del bambino sono indagati in concorso con il medico per omicidio colposo e hanno chiesto la sospensione del medico omeopata.

A parlarne nel salotto di Officina Stampa il professor Agostino Messineo, docente di Medicina del lavoro al corso di laurea Tecnico della Prevenzione all’università La Sapienza e alla Dottoressa Antonella Lardino, psicologa e docente dell’infanzia.

Sarà poi il momento dello sport con ScrivoNapoli in campo del giornalista Marco Martone, direttore del quotidiano Scrivonapoli.it

Altro tema che verrà trattato con gli ospiti Messineo e Lardino è l’istigazione al suicidio indotta dal fenomeno che sta dilagando sui social conosciuto come "Blue whale". Quanto c’è di vero? Di cosa si tratta e quale il punto in Italia e all’estero?

Non mancherà un momento dedicato al sociale con il consueto angolo condotto da Simone Carabella


Sarà poi la volta del personaggio: ospite in studio Alfio Laganà il promotore di un evento Ferrari Club
che si è appena concluso, costruttore amante della sua professione e soprattutto amico di Little Tony. Quest’ultimo ha dedicato una canzone ad Alfio Laganà…”Er mejo che ce sta”.


La diretta, visualizzata da migliaia di utenti, sarà trasmessa a partire dalle 18 sui seguenti canali:

youtube OFFICINA STAMPA

Facebook OFFICINA STAMPA

sul sito  www.officinastampa.tv

Oppure direttamente su questa pagina nell'apposita finestra video predisposta a partire dalle ore 18

La trasmissione giornalistica di approfondimento
Tra politica, motori, arte e cultura diversi gli ospiti del web talk condotto dalla giornalista Chiara Rai
immagine

 

Redazione


GROTTAFERRATA (RM) - Promette di essere una puntata ricca di spazi interessanti quella di Officina Stampa di giovedì 25 maggio 2017 quando alle 18.00  si aprirà con il faccia a faccia tra il Sindaco di Genzano Daniele Lorenzon e il Consigliere comunale di opposizione Luca Lommi sulla questione  della rimodulazione degli orari di apertura al pubblico del cimitero.


La diretta, visualizzata da migliaia di utenti, sarà trasmessa sui seguenti canali:

YouTube: OFFICINA STAMPA
www.officinastampa.tv
Facebook OFFICINA STAMPA

Direttamente su questa pagina in fondo all'articolo dove a partire dalle ore 18 si potrà seguire la puntata in diretta o rivederla in differita.


A seguire uno spazio dedicato a Castel Gandolfo con ospite in studio il Sindaco Milvia Monachesi che avrebbe dovuto confrontarsi in un faccia a faccia con il candidato sindaco Cinque Stelle Paolo Belli il quale però ha declinato l’invito dopo una consultazione con la sua coalizione.

Motori roboanti al Motorshow di Napoli dove Officina Stampa è andata in trasferta sabato scorso. Dallo studio verranno mandate in onda immagini mozzafiato che verranno commentate con il G.M. del Black Jack Lino Ventriglia e il grande stuntman Franco Medici e Fausto Amendolagine, presidente del Ferrari Club Roma centro


Non mancherà, come consuetudine, il momento dedicato al sociale condotto dal vulcanico Simone Carabella


L’arte in tutta la sua bellezza, ospite in trasmissione la splendida artista Masha Cavaterra con alcune delle sue opere

Sarà la volta poi di uno spazio dedicato alle bellezze del territorio laziale. Il Bando Borghi ha visto la Regione Lazio impegnare 1,6 milioni per la valorizzazione culturale e turistica di alcuni tra i più caratteristici centri storici del territorio. Tra i vincitori del bando ci sono alcuni Comuni che hanno presentato i loro progetti individualmente, e altri che hanno presentato progetti in collaborazione tra borghi vicini, che hanno caratteristiche simili. Tra questi saranno ospiti del salotto rosso di OFFICINA STAMPA alcuni esempi virtuosi, anche perché sono progetti interprovinciali, come nel caso di Oriolo (VT), che si è unito con Bassano Romano (VT) e Canale Monterano (RM), oppure Trevignano (RM) in collaborazione con Monterosi (VT). Ne parlano con noi Andrea Magagnini, assessore al turismo di Canale Monterano, e Claudia Maciucchi, sindaco di Trevignano. Ad intervistarli i giornalisti de L’Osservatore d’Italia Simonetta D’Onofrio e Silvio Rossi

Il giovane scrittore Matteo Di Carlo, classe 1997  parlerà nel salotto di OFFICINA STAMPA del suo libro “Un giorno capiremo” in compagnia della professoressa Maria Cristina Mannocchi e ai giornalisti Simonetta D’Onofrio e Silvio Rossi

A chiudere la XIX puntata la rassegna stampa a cura di Chiara Rai e Silvio Rossi

Amministrative 2017
"Ho deciso di non ripresentarmi, situazioni personali mi impediscono di poter affrontare un impegno politico che non onorerei per il poco tempo a disposizione"
immagine



GROTTAFERRATA (RM) - Nonostante non sia presente nelle liste dei candidati, in vista delle prossime elezioni amministrative di domenica 11 giugno, Luigi Spalletta sostiene convintamente la candidatura a sindaco di Grottaferrata di Luciano Andreotti e di Marco Bosso e Roberta Covizzi candidati al Consiglio comunale con la lista civica “Con Voi”.“Ringrazio tutti gli amici e le amiche che mi hanno sostenuto politicamente negli anni passati – ha esordito Luigi Spalletta - dandomi sempre una forza elettorale che ho cercato di contraccambiare nell’interesse di Grottaferrata e dei miei concittadini. In questa tornata elettorale ho deciso di non ripresentarmi, situazioni personali mi impediscono di poter affrontare un impegno politico che non onorerei per il poco tempo a disposizione. Nonostante non sia presente in prima persona dichiaro con la massima convinzione il mio pieno appoggio al candidato sindaco Luciano Andreotti, persona qualificata, competente, grottaferratese doc, pienamente cosciente della realtà locale, dei suoi problemi, che grazie alla sua esperienza e preparazione può risolvere egregiamente. Sono anni che le mie battaglie politiche le affronto insieme all’amico Marco Bosso, con il quale dal 2005 abbiamo condiviso amministrazioni di maggioranza e di minoranza, cercando sempre insieme di rappresentare le esigenze dei nostri cittadini. Per questo motivo oggi chiedo a tutti i miei sostenitori di allora e di oggi di esprimere una preferenza per Marco Bosso quale consigliere della lista Con Voi. Infine – ha concluso Spalletta - vi indico come seconda preferenza il nome della candidata Roberta Covizzi, una bella persona che già ha saputo dimostrare l’impegno nell’attività amministrativa di Grottaferrata. Con loro avrò sempre un riferimento per le istanze nell’interesse generale di Grottaferrata”.

Politica
La prima iniziativa pubblica all’aperto della coalizione civica guidata dal candidato sindaco
immagine

 

Red. Politica

GROTTAFERRATA (RM)
- Grottaferrata al centro di un’idea di città che è partecipazione, è inclusione, è condivisione, è impegno mirato al futuro ripartendo dal recupero dei troppi beni, luoghi, spazi abbandonati dalla cattiva amministrazione praticata negli ultimi anni. E’ stato questo il cuore del bell’evento che ha popolato armoniosamente di cittadini giovani e di ogni età piazza Cavour per la prima iniziativa pubblica all’aperto della coalizione civica guidata dal candidato sindaco Luciano Andreotti e composta da quattro liste civiche: Con Voi, Il Faro, Luciano Andreotti Sindaco e Prima Grottaferrata. Una manifestazione che esce fuori dai dogmi della solita politica, del politichese e delle autocelebrazioni del politico di turno. La musica e le idee dei ragazzi incollate sulla lavagna dei desideri “Wish Wall” hanno dominato la prima parte dell’evento, fino al calar della sera quando lo strepitoso intervento dello showman Salvatore Marino che, non a caso, ha ironizzato sulle “supercazzole” (condito di parole incomprensibili) dei soliti politici ha fatto da apripista al saluto del candidato sindaco Andreotti e soprattutto all’atteso video di presentazione del programma: “Abbiamo fatto un viaggio nei luoghi dell’abbandono di Grottaferrata” ha detto Andreotti perché “è da lì che vogliamo ripartire per dare le risposte che la politica e gli amministratori fino a oggi non hanno dato”.

 

Un viaggio iniziato proprio da piazza Cavour e dalla mancata “attenzione al particolare”, come i rubinetti della storica Fontanella su cui ad oggi ci sono istallati “quelli che si trovano in qualsiasi casa anziché quelli adatti in ottone”. Un viaggio, quello compiuto nel video dal candidato sindaco Andreotti con Salvatore Marino, che ha incrociato edifici divenuti tristi cattedrali in un deserto di abbandono e spesso degrado: dal ristorante  la Bazzica “sequestrato alle mafie e nelle disponibilità del comune” per il quale – ha spiegato Andreotti - serve un bel progetto di tipo sociale” oppure l’ex mattatoio, “sottoutilizzato solo per fare qualche convegno” ma per il quale in realtà “servirà innovazione. Creare e riuscire a realizzare un incubatore d'impresa” o ancora luoghi storici come il caffè del Cavallino e l’ex Cartiera “un simbolo quasi come l’abbazia”  fino ad arrivare all’area forse più degradata di Grottaferrata la colonia Gosio dove  “la situazione è delicata  a causa della presenza sregolata di immigrati che giungono da Roma. Una questione da risolvere – dice Andreotti – anzitutto perché  non è giusto che ci siano persone che vivono in baracche”. Decisiva sarà la collaborazione del Comune di Roma per cui – annuncia il candidato sindaco nel video – la prima cosa che farei per risolvere quella problematica sarebbe quella di chiamare la sindaca Raggi per cercare insieme una soluzione”. Il viaggio, però, non si conclude solo con le constatazioni attorno ai luoghi dell’abbandono ma apre gli occhi all’immaginazione possibile perché “del bello si deve poter godere” spiega Andreotti  e proprio la bellezza è “elemento fondamentale per la rinascita socioculturale della città”. Per cui, ritornando idealmente al centro, si incrocia l’area del mercato con la cosiddetta Ciambella che dovrà essere valorizzata per realizzare un’area market sul modello europeo, oppure la notissima struttura dell’ex mercato coperto che campeggia abbandonata proprio al centro di Grottaferrata per la quale “ripartendo dalla struttura attuale che richiama l’archeologia industriale” Andreotti prevede la realizzazione di una struttura sul modello del Centro Pompidou di Parigi all’interno della quale realizzare mostre d’arte e eventi culturali di rilievo internazionale. A far da corona un centro storico con i monumenti illuminati dal Festival delle Luci da realizzare nel periodo natalizio come ulteriore richiamo per il turismo e aperto sulla bellezza dei Giardini di Patmos, oggi chiusi da un muro che sarebbe da abbattere, secondo Andreotti, pronto a diventare il simbolo della nuova idea di apertura al futuro e alla bellezza, ingrediente fondamentale nell’azione di recupero che l’architetto Luciano Andreotti propone ai suoi concittadini come motore della nuova amministrazione guidata assieme alle sue quattro liste civiche. 

 

Un percorso che nasce da esperienze, professionalità e identità diverse che intanto ha creato amicizia, la cui amalgama è il comune sentire per Grottaferrata e i grottaferratesi il cui futuro passerà per il consenso che la città il prossimo 11 giugno vorrà riservare alla proposta civica di Luciano Andreotti fondata su “coraggio, passione e competenza”. 

Politica
Prima Grottaferrata che alle prossime elezioni sarà una delle quattro forze a sostegno della candidatura a sindaco di Luciano Andreotti
immagine

Red. Politica

 

GROTTAFERRATA (RM)
- Sedici candidati, otto uomini e otto donne. Quarant'anni l'età media dei candidati con la più giovane che è una ragazza nata nel 1992 e la più matura una signora del 1953. Tutti, a partire dal capolista, Alessandro Cocco, noto in città per il genuino impegno civico, animati dal nome scelto per la lista che è chiaro e inconfondibile: Prima Grottaferrata che alle prossime elezioni sarà una delle quattro forze a sostegno della candidatura a sindaco di Luciano Andreotti. Sabato 20 maggio in piazza Cavour, dalle 18.30, la presentazione dei candidati al Consiglio comunale che in un evento animato dalla musica, alla presenza del candidato sindaco, Luciano Andreotti, vedrà candidati e cittadini confrontarsi anche di fronte a un testimone particolare: un “wish wall”, un muro dei desideri, di fatto una lavagna su cui ognuno potrà annotare le proprie idee per la città.

“Siamo una lista civica fatta di persone di diversa estrazione che manterranno ognuno la propria identità perché quella sarà la nostra forza. Siamo uomini e donne di destra, di sinistra o civici puri che hanno fatto sintesi intorno ad una parola e quella parola è: Grottaferrata” dichiara Cocco. “Questa è l'unica via da seguire quando si amministra un grande comune, dove contano le persone più che le tessere di partito. La diversità di pensiero sarà la forza del nostro successo”.

Prima Grottaferrata si inserisce, insomma, nel cuore del discorso e della logica che ha ispirato la candidatura a sindaco di Andreotti.

“Il nostro primo obiettivo - prosegue Cocco - è il benessere della nostra comunità, per questo al centro del dibattito politico metteremo l’interesse generale, non contro qualcuno ma in favore di tutti, senza dimenticare i cittadini e le famiglie che più di altri stanno soffrendo i lunghi anni di crisi. In tal senso intendiamo aprire il paese al contesto metropolitano di cui anche la nostra città è parte, con la certezza che prima di tutto venga Grottaferrata ma che su alcune tematiche è comunque opportuno ricercare una politica di territorio”.

“I nostri propositi - spiega ancora il capolista e ispiratore di Prima Grottaferrata addentrandosi nel programma - sono organizzati seguendo un semplice schema: risolvere le problematiche del passato, gestire il presente e progettare il futuro; idee concrete, che saranno supportate dalle necessarie coperture economiche, pensate con lucido realismo senza voli pindarici e false aspettative”.

“Tutte le nostre iniziative saranno veicolate attraverso i nuovi canali digitali ma anche attraverso incontri/dibattito che organizzeremo sul territorio. La comunità grottaferratese in noi dovrà avere un punto di riferimento - conclude Cocco - a cominciare dalla stesura del programma, alla quale tutti i cittadini saranno chiamati a partecipare attivamente”.

 

La lista dei candidati

 

1. Alessandro Cocco

2. Mauro Proia

3. Andrea Bulgarini

4. Simona Valeriani

5. Massimo Vinci

6. Valentina Olivieri

7. Claudio Bracci

9. Francesca Mastrolillo

10. Massimo Ascani

11. Caterina Modica

12. Francesco Giusto (detto Giusti)

13. Luca Morgante

14. Marina Troiani

15. Giorgia Poletta

16. Gigliola Caratelli

Elezioni amministrative
Il candidato sindaco: "“Da troppo tempo il nostro Comune sta scontando l’incapacità dei partiti di proporre strategie in grado di fronteggiare questo difficile momento di crisi"
immagine



GROTTAFERRATA (RM)
- Un progetto civico che unisce sensibilità, professionalità ed esperienze diverse, nato dalla collaborazione fra cittadini che da sempre operano sul territorio, questa la risposta della coalizione guidata da Luciano Andreotti alla grave situazione di ingovernabilità causata dal fallimento della politica dei partiti a Grottaferrata.
“Da troppo tempo il nostro Comune sta scontando l’incapacità dei partiti di proporre strategie in grado di fronteggiare questo difficile momento di crisi economica e sociale – dichiara Luciano Andreotti – le ripetute crisi amministrative, imputabili tanto alla destra quanto alla sinistra, hanno generato un clima di frustrazione e sfiducia nei cittadini, allontanandoli sempre più dalla vita politica. È necessario sanare questa frattura con una proposta concreta che riporti finalmente le persone e i loro bisogni reali al centro dell’azione di governo della città. Crediamo in un’amministrazione trasparente, condivisa e partecipata, capace di riportare stabilità e di valorizzare le molte eccellenze del nostro territorio, svilite dalle logiche di spartizione che finora hanno dominato. La mia candidatura a sindaco – prosegue Andreotti - sostenuta da quattro liste civiche, Luciano Andreotti Sindaco, Prima Grottaferrata, Con Voi e Faro vuole essere un segnale preciso del cambio di passo che vogliamo imprimere all’amministrazione di Grottaferrata, favorendo con nuovi strumenti il coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali e restituendo alla comunità il suo ruolo centrale nelle scelte che incidono su temi essenziali come crescita, sviluppo e gestione delle risorse.

Sport
immagine

Redazione

Grottaferrata (Rm) – Il settore ritmica del San Nilo Grottaferrata conquista le vette regionali. Domenica scorsa si è disputata (proprio presso il palazzetto dello sport “Saverio Coscia” della cittadina criptense) la seconda tappa del campionato regionale organizzato dall’ente promozionale Msp. E la risposta delle atlete del San Nilo Grottaferrata è stata molto positiva. Tre i titoli regionali portati a casa: uno nel campionato Eccellenza grazie ad Alice Rastelli che nella categoria Senior ha sbaragliato la concorrenza cimentandosi con cerchio e fune (tra prima e seconda tappa). Sul gradino più alto del Lazio anche due coppie che hanno disputato il campionato Promozionale: Emma Ciminelli e Martina Fondi hanno trionfato nella specialità coppia palla (e corpo libero) della categoria Giovani, mentre Marta Ponzo e Beatrice Sabatini (coppia fune e cerchio) sono risultate le migliori della categoria Allieve. Tornando al campionato Eccellenza, va segnalato anche un titolo di vice campionesse regionali conquistato da Flavia Scotini e Sofia Camilli (coppia clavette e cerchio, categoria Senior) che tra l’altro si sono imposte nella classifica parziale della seconda tappa. Bene anche Giulia Del Villano (seconda nella classifica di tappa della categoria Junior specialità nastro e sesta nella classifica complessiva) e Martina Quattrini (piazzatasi in fascia di bronzo nella specialità palla e corpo libero della categoria Esordienti). Nel campionato Promozionale da ricordare anche il piazzamento della più piccola del gruppo, Ginevra Bifarini, nella fascia di bronzo della specialità palla categoria Giovani e quello della coppia (palla e corpo libero) formata da Manuela Serafini e Claudia Martini nella fascia di bronzo della categoria Giovani. Discrete anche le prestazioni nel Promozionale di Camilla Guidi, Maria Lavinia Iannotti, Chiara Ottaviani, Giulia Galliano, Maria Vittoria Iannotti, Asia Giorgi, Giulia Sabatini e Marta Fanfarillo e quelle nell’Eccellenza di Aurora Di Stefano, Melissa Sartori e Lilia Trenta. Soddisfatto dei risultati lo staff tecnico del San Nilo Grottaferrata guidato dalla responsabile Simona Martinelli assieme a Costanza Arveni e Michela De Rossi. «Molte delle nostre ragazze hanno ottenuto la qualificazione alle fasi finali nazionali che si terranno sempre a Grottaferrata dal 2 al 4 giugno – ricorda la Arveni -, poi ci concentreremo sul saggio di fine stagione fissato per il prossimo 15 giugno».
 

Inizio
<< 10 precedenti
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact