Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Lavori Pubblici
1.431.000,00 euro per 768 nuovi loculi con l’adiacente sistemazione dell’area parcheggio per 75 posti auto
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM) – Ad Anguillara partito l’iter per far fronte a quella che è ormai un’emergenza cimitero alla quale si sta facendo fronte con il recupero dei loculi dalle estumulazioni. La Giunta municipale ha infatti approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica, che riguarda l’ampliamento del cimitero comunale, per la realizzazione su due piani di 768 nuovi loculi con l’adiacente sistemazione dell’area parcheggio per 75 posti auto per un costo complessivo di 1.431.000,00 euro.

L’intervento è stato quindi inserito nel programma delle opere pubbliche e nel relativo elenco annuale, disponendone l’attivazione delle procedure propedeutiche necessarie alla realizzazione dei lavori con l’affidamento del contratto d’appalto in concessione.

Il camposanto comunale era già stato oggetto di un ampliamento con un appalto di concessione nel 2005 che consentì la realizzazione di 908 nuovi loculi e il completamento di
altri 224 la cui struttura era stata precedentemente eseguita con altro appalto.

Il progetto prevede l’ampliamento del cimitero di Anguillara verso la via Romana, in deroga alla distanza prevista dal Regolamento di polizia mortuaria di 200 metri dal centro abitato, ad una distanza inferiore comunque mantenendo il limite dei.50 metri.

Cronaca
La donna è deceduta in ospedale dopo una settimana di sofferenze
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM) - Non ce l’ha fatta l’anziana 83enne rimasta coinvolta nell’esplosione avvenuta la scorsa settimana in una villetta di Anguillara. La donna è deceduta in ospedale dopo una settimana di sofferenze per la gravità delle ferite riportate a causa dell’esplosione. Nella deflagrazione, avvenuta presumibilmente per una fuga di gas, ci sono stati anche altri 3 feriti. Della vicenda si occupano i carabinieri della stazione di Anguillara e della compagnia di Bracciano.


LEGGI ANCHE: Anguillara: una fuga di gas fa crollare una villa

Lavori pubblici
La strada viene ricordata per il suo viale alberato
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM) - L’amministrazione comunale di Anguillara ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica per i lavori di ripristino stradale di via di Residenza Claudia per un costo complessivo preventivato di 99mila euro. La caratteristica via di Anguillara, ormai in stato di degrado, viene ricordata per il suo viale alberato, posto all’ingresso del comprensorio di Residenza Claudia, dove fino allo scorso mese erano presenti dei pini pluriennali, su ambo i lati della strada, abbattuti a causa delle radici che avevano invaso il manto stradale provocando pesanti disagi per gli automobilisti in transito.

 

LEGGI ANCHE: Anguillara: addio al viale alberato della residenza Claudia

Amministrazione pubblica & cittadini
"L’ordinanza vietava anche di “camminare per le vie del paese, anche quelle adiacenti alle spiagge in costume e senza scarpe e a torso nudo”
immagine


Red. Cronaca

 

ANGUILLARA (RM) - L’amministrazione a Cinque Stelle torna sui suoi passi e revoca l’ordinanza che ha creato un fiume di polemiche: quella del 3 maggio 2017 n. 58 con la quale il Comune di Anguillara Sabazia ha posto il divieto di balneazione nella zona 1 del lago di Bracciano. Da subito erano sorte dure eccezioni ed era stato paventato anche un ricorso al Tar perché, tra l’altro, l’ordinanza vietava anche di “camminare per le vie del paese, anche quelle adiacenti alle spiagge in costume e senza scarpe e a torso nudo” ma anche di “stazionare con asciugamani e ombrelloni”. Un divieto, avevano evidenziato i ricorrenti, non giustificato ne da inquinamento, in quel tratto, del lago ne da problemi di carattere di ordine pubblico. Difatti è la Regione che decide quali spiagge sono balneabili e quali no

La lettera
Gli amministratori: "Sabrina non ha ritenuto necessario comunicare ufficialmente ai vertici del Movimento il fatto"
immagine


ANGUILLARA SABAZIA (RM) - I "cittadini eletti", così firmano gli attuali amministratori del Comune di Anguillara Sabazia una missiva diretta alla cittadinanza e agli organi di stampa con la quale spiegano il caso della condanna di circa nove anni fa arrivata ad Anselmo attraverso lettere anonime. Ecco la lettera

Cari cittadini di Anguillara Sabazia,

abbiamo aspettato qualche giorno prima di commentare in maniera completa il totale caos che si sta creando in questo turbolento periodo. È tutto nuovo per persone come noi che non sono abituate a tale pressione mediatica, siamo cittadini prestati alle istituzioni e agiamo ogni giorno con la speranza di rimanere tali e non diventare politici nel carattere; pertanto vi chiediamo di distaccarvi da qualsiasi interpretazione politica perché qui di seguito nulla di politico verrà esposto.
In questa ormai famosa busta anonima era presente una sentenza che vedeva condannata la signora Sabrina Anselmo nel 2008 per un fatto risalente al 2006, quindi di 11 anni fa. La questione nacque da una denuncia fatta dalla stessa per smarrimento di assegni (patteggiato in primo grado, per sopravvenuta impossibilità economica nel proseguire la causa) avanzata alla luce di sospetti concreti e con un fondamento, se li avesse "saputi innocenti" non avrebbe sicuramente agito in tal senso.

Dobbiamo sicuramente spiegazioni sulla mancata divulgazione dell’accaduto nel periodo antecedente all’invio di queste buste anonime. La condanna in questione, veniva dal giudice dell’udienza preliminare estinta con pena condonata e per tale motivo non trascrivibile sul casellario giudiziale.
Non possiamo spiegare nel dettaglio del processo poiché ci sono persone terze coinvolte alle quali dobbiamo garantire il diritto alla privacy. In virtù di quanto esposto, forse sbagliando valutando la faccenda estremamente personale e non politica, Sabrina non ha ritenuto necessario comunicare ufficialmente ai vertici del Movimento il fatto.
Il giorno in cui è arrivata questa lettera anonima in Comune, abbiamo subito avvertito il Movimento cinque stelle dell'accaduto sperando di trovare in loro un appoggio, cosa che purtroppo (giusto o sbagliato lasciamo a voi il giudizio) non è avvenuta. Per primi abbiamo comunicato quanto avvenuto, azione secondo il nostro parere di correttezza verso la cittadinanza anche per dimostrare a chi ha commesso questo gesto che noi non abbiamo paura e non cediamo a certi ricatti osceni. Vogliamo poi sottolineare, rettificando quanto bugiardamente riportato da alcuni giornali, che né il Sindaco né la giunta né i consiglieri credono che questa storia sia collegata alla battaglia per la salvaguardia del lago.
Non vogliamo cercare giustificazioni o attenuanti, il nostro intento è solo quello di fare chiarezza non ritenendo l’accaduto un fatto rilevante per la stabilità e la credibilità dell'amministrazione. In questo anno di governo della cittadina abbiamo dimostrato di non fare sconti a nessuno e di non aver favori da restituire di alcun tipo, abbiamo sempre agito nell'interesse della collettività spesso prendendo con determinazione scelte impopolari, ma sempre seguendo il principio delle linee programmatiche che ci hanno permesso di vincere le amministrative del 2016, linee che continuano ad essere il nostro vincolo sacro nei confronti delle persone che ci hanno dato fiducia e anche verso chi non l'ha legittimamente fatto.

Il messaggio che vogliamo trasmettere con queste parole è che un fatto personale non può e non deve essere usato per colpire una donna e una madre che sta rappresentando una comunità di persone in maniera onesta e credibile.
Quanto accaduto è un atto grave e intimidatorio senza precedenti nel nostro paese, amplificato in quanto commesso in forma anonima da soggetti che non potevano venire a conoscenza del fatto, il documento in questione non poteva essere ritirato da altri soggetti se non dall’imputato stesso con accesso motivato al CED Interforze, quindi quanto accaduto è estremamente grave, chi è colluso in questa vicenda? Ciò dovrebbe far riflettere tutti sul significato di questo vile atto e sul perché il mandante abbia scelto questa forma, gli interessi di chi si stanno portando avanti?

Cedere a questa minaccia significherebbe lanciare un messaggio sbagliato alla collettività, un ricatto può distruggere una persona. Non è così, la persona Sabrina Anselmo è stata capace di dimostrarsi la migliore scelta che il gruppo potesse mai fare per rappresentarci in questa meravigliosa avventura che stiamo cercando di affrontare al massimo delle nostre forze alla guida del Comune. Non saranno questi gesti codardi e carbonari a farci andare fuori strada, rivendichiamo il diritto di completare il mandato che i cittadini democraticamente ci hanno permesso di espletare.
In questi giorni ci siamo riuniti più volte e mai la nostra fiducia nei confronti del progetto è venuta a mancare, quanto accaduto è stato però anche un modo per fermarci a ragionare sugli errori commessi in quest’anno, abbiamo bisogno di legare nuovamente con quella parte di cittadinanza sfiduciata e remissiva nei nostri confronti. Al ricatto risponderemo con i fatti cercando di stringere un legame ancora più forte con i nostri datori di lavoro, i cittadini di Anguillara Sabazia, il gossip e la vigliaccheria la lasciamo agli altri. L'amministrazione andrà avanti con o senza Movimento 5 Stelle.

I cittadini eletti

Il caso
Un caos nel quale si tenta di inserire anche la questione dell’emergenza del lago di Bracciano, un caso molto serio, quest’ultimo, che meriterebbe una più solitaria e approfondita analisi
immagine


di Ivan Galea

 

ANGUILLARA (RM) - Le cronache degli ultimi giorni fanno emergere una situazione di destabilizzazione all’interno del M5S. Il ciclone giudiziario, sebbene di gran lunga datato, che ha scatenato un anonimo facendo pervenire delle lettere al Comune di Anguillara con una sentenza di condanna per Calunnia, pena a un anno di reclusione condonata ed estinta per indulto, a carico della sindaca pentastellata Sabrina Anselmo. Denunciò lo smarrimento di assegni accusando di ricettazione tre persone pur sapendole innocenti.

 

Una sentenza di cui Anselmo non aveva fatto menzione al Movimento Cinque Stelle nonostante le fosse richiesto, al momento della candidatura, di indicare eventuali condanne o procedimenti unitamente al casellario giudiziale che comunque risulta “pulito”. Insomma dal blog di Grillo accusano la sindaca: “Avrebbe dichiarato il falso” nel sottoscrivere il documento prima di candidarsi. Così in queste ore dovrebbero pronunciarsi i probiviri sul procedimento attivato nei confronti di Anselmo: nell’M5S si parla di “fatto molto grave” e non mancano le punzecchiature del Pd con Romano che accusa di “doppia morale” e Di Majo che rimarca come la procedura nei confronti della sindaca sia stata attivata in tempi record.


Insomma un caos nel quale si tenta di inserire anche la questione dell’emergenza del lago di Bracciano, un caso molto serio, quest’ultimo, che meriterebbe una più solitaria e approfondita analisi anziché finire nella mischia di polemiche politiche. Sembrerebbe infatti che siano sorte anche beghe interne al Movimento con la sindaca Sabrina Anselmo che ha rilasciato in una intervista alla Stampa delle dichiarazioni che lasciano sgomenti: “La Raggi? Alle riunioni sul lago di Bracciano non è mai venuta. Da novembre abbiamo allertato i tavoli con i rappresentanti di Acea sul territorio. Poi a marzo sono cominciate le riunioni periodiche in regione. Gli attori c'erano tutti – prosegue Anselmo - Acea, la Regione, l'unico sempre assente è stato la Città Metropolitana, che non si è mai presentata".

 

E Forza Italia, come naturale che sia, cavalca questo momento di confusione con un Palozzi (show) sempre più impegnato, anche con le sue video rubriche, a evidenziare le vicende a Cinque Stelle: “La delicata vicenda del Lago di Bracciano - dice il consigliere regionale FI e vicepresidente della commissione Ambiente, Adriano Palozzi - ha messo impietosamente a nudo tutti i limiti politici del Movimento Cinque Stelle. Dopo l’ordinanza emessa dalla Regione, tra i grillini è scoppiato il putiferio: la Raggi che fa il pesce in barile, la sindaca M5S di Anguillara che la smaschera spiegando che Virginia alle riunioni sull’emergenza del bacino lacustre non si è mai vista, la nuova Acea “pentastellata” che fa terrorismo psicologico, minacciando la turnazione dell'approvvigionamento idrico per centinaia di migliaia di cittadini. Incertezza amministrativa e polemica politica che, purtroppo, peserà come un macigno sulle famiglie.

 

Sul tema emergenza lago è intervenuto anche il deputato PD, Emiliano Minnucci, che ha commentato le dichiarazioni su Virginia Raggi rilasciate dalla Sindaco del Comune di Anguillara Sabazia, Sabrina Anselmo. “Le parole al vetriolo della Sindaco di Anguillara Sabazia, Sabrina Anselmo, contro la sua collega grillina, Virginia Raggi, testimoniano ciò che noi andiamo dicendo da sempre: ovvero che la Raggi, in questi mesi di denunce e battaglie, non ha mosso paglia, disinteressandosi totalmente della situazione legata al lago di Bracciano e a quella crisi idrica che oggi sta sulla bocca di tutti. Parole forti quelle dell’Anselmo che, oltre a sconfessare la Raggi in merito a quell’impegno che la prima cittadina di Roma in questi giorni ha sbandierato ai quattro venti, fanno riflettere sul grado di incompetenza e sul pressapochismo dei grillini. Perché Sabrina Anselmo solo oggi fa uscire queste frasi? C’entrano forse le sue vicende giudiziarie e personali che forse obbligano Grillo & C. a espellerla dal Movimento? Ai cittadini di Anguillara, ma anche a quelli di Trevignano, Bracciano e Roma, poco importa delle beghe interne al M5S. La cosa che più rattrista e fa arrabbiare è che questi personaggi in cerca d’autore, oggi purtroppo amministratori locali anche di città come Anguillara e Roma, fanno leva su problemi gravi e tangibili, come quello dell’attuale crisi idrica e ambientale, per togliersi i loro sassolini dalle scarpe, mettendo in atto una resa dei conti interna esclusivamente al loro mondo grillino. Oggi scopriamo che l’Anselmo è una bugiarda a cinque stelle: se a Grillo & C., ma soprattutto ai cittadini di Anguillara, non ha confessato le sue vicende con la giustizia prima della sua candidatura, a noi e a tutta l’opinione pubblica ha mentito sull’atteggiamento menefreghista di Virginia Raggi che fin oggi ha sempre tutelato per ordini di scuderia”. 

 

L’auspicio adesso è che M5S esca fuori dalle proprie beghe interne e insieme alla Regione lavori alacremente per la risoluzione dell’emergenza idrica. Fatti come quelli del Lago di Bracciano dimostrano, infatti, l’incapacità delle istituzioni a tutti i livelli di operare con programmi di prevenzione e a lungo respiro. Serve una decisa inversione di marcia” 

Il reportage
Cinque squadre dei vigili del fuoco della Capitale sono al lavoro sul posto
immagine


GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO

 

 

di Silvio Rossi


ANGUILLARA (RM) - Una fuga di gas è con tutta probabilità la causa del crollo di una parte di una villetta a due piani in via di Grotte di Castellana 26 ad Anguillara Sabazia, zona Colle Sabazio, vicino a Roma. L'esplosione è avvenuta intorno alle 8 del mattino. I primi ad intervenire sono stati i carabinieri della compagnia di Bracciano e quelli della stazione di Anguillara. Nel crollo sono rimaste ferite 4 persone di cui di cui una è stata trasportata in eliambulanza all'ospedale Sant'Eugenio. Sono stati già tutti soccorsi. Cinque squadre dei vigili del fuoco della Capitale sono al lavoro sul posto dalle 8 di questa mattina. Intervenuti sul posto anche la Polizia Municipale. La villetta ha riportato grossi danni strutturali soprattutto al piano di sotto. Le ulteriori verifiche determineranno se la casa è agibile

Il caso
La sindaca: "Come controprova nei prossimi giorni pubblicherò le foto del mio casellario giudiziale e dei carichi pendenti"
immagine

 

di Ivan Galea

 

ANGUILLARA SABAZIA (RM) - Buste anonime contenenti una sentenza di condanna, pena condonata grazie all'indulto, risalente al 2008 nei confronti dell’attuale sindaco di Anguillara Sabrina Anselmo hanno animato lo scenario politico locale della cittadina alle porte di Roma.

IL FATTO

Anselmo è stata condannata a un anno di reclusione, pena patteggiata e dichiarata estinta per indulto, per aver denunciato “falsamente” lo smarrimento di tre assegni incolpando del reato di cui all’art. 648 cp (ndr ricettazione) i successivi prenditori sapendoli innocenti”. Così è scritto nella sentenza emessa dal Gup del Tribunale di Civitavecchia Giovanni Giorgianni depositata a dicembre del 2008 nei confronti dell’attuale sindaca Cinque Stelle di Anguillara Sabazia Sabrina Anselmo.


LA DICHIARAZIONE

Il sindaco Anselmo, in un post su Facebook, ha parlato del caso che la riguarda “In queste ore – ha scritto - è stato spedito in forma anonima un documento su un mio procedimento giudiziario condonato del 2008. Come controprova nei prossimi giorni pubblicherò le foto del mio casellario giudiziale e dei carichi pendenti al fine di fare chiarezza.  Le forze che da sempre governano il nostro Comune hanno tolto la maschera utilizzando lo strumento della macchina del fango per screditare l'operato di questa amministrazione.
L'impegno da parte del Sindaco e dell'amministrazione tutta nei confronti dei suoi cittadini proseguirà sino alla fine del mandato con la stessa determinazione e trasparenza sino ad oggi dimostrata!
In queste ore mi sono recata dalle forze dell'ordine per denunciare l'operato diffamatorio di ignoti e dei loro sodali. Consiglio ai cittadini di evitare di ascoltare le prediche sterili che troverete magari domani sulle testate giornalistiche che sono totalmente destituite di ogni fondamento.
Ai vili che non hanno il coraggio di esternarsi personalmente, ma che agiscono attraverso missive carbonare, dico che mi troveranno in Comune a lavorare in maniera più che mai determinata per Anguillara Sabazia !”.

Adesso bisognerà aspettare le reazioni del MoVimento Cinque Stelle che sta valutando la vicenda che la stessa sindaca ha sottoposto ai vertici

I casi
I soccorsi si alternano. Escalation di roghi nella zona
immagine

 

di Silvio Rossi

 

Gli incendi divampati oggi hanno insistito in una zona già messa a dura prova nei giorni scorsi. Da lunedì è il terzo episodio di una certa entità, nella zona compresa tra i laghi di Bracciano e Martignano.
Già prima di questo week end il parcheggio a servizio del lago di Martignano era stato colpito da un incendio, tanto che il servizio rimasto sospeso, e l’accesso al lago è stato inibito proprio per il pericolo che prendessero di nuovo fuoco le sterpaglie secche e qualche focolaio apparentemente spento.

Nel primo pomeriggio di oggi, anche a causa del vento che ha agito da catalizzatore, le fiamme hanno interessato via Cusmano dove si trovano alcune case e un centro per disabili, dalle notizie giunte in redazione, un’ambulanza ha dovuto prestare soccorso a una persona lievemente intossicata, che ha necessitato delle cure dei sanitari.

Al momento, oltre alla zona di Martignano, un nuovo fronte di fuoco si è sviluppato nei pressi di Cesano, borgo della periferia romana distante pochi chilometri in linea d’aria da Anguillara, arrivando a lambire la scuola media. Sembrerebbe che per Cesano le richieste di soccorso siano partite con ritardo.
Gli elicotteri della protezione civile stanno alternando gli interventi, per riuscire a tenere le fiamme sotto controllo. Per il momento sembra che la situazione di Cesano, almeno nella parte più vicina alle case, sia stata fermata, ma non si può abbassare la guardia perché basta una folata di vento per ravvivare le fiamme. Ancora dunque un grosso incendio dopo quello di fine giugno che ha colpito il parco rotonda, oggetto di segnalazioni da parte dei cittadini. Lì infatti è finita in fumo l'area verde dietro la Chiesa di San Sebastiano per la quale anche gli scout a inizio giugno avevano chiesto sfalcio e manutenzione

Fiamme
Sul posto il 118, un canadair, tre elicotteri e cinque squadre di vigili del fuoco, più volontari della protezione civile
immagine

 

ANGUILLARA (RM) - Grosso incendio di sterpaglie è divampato ad Anguillara non lontano da una comunità per disabili. Sul posto il 118, un canadair, tre elicotteri e cinque squadre di vigili del fuoco, più volontari della protezione civile. La struttura è stata evacuata e la situazione appare grave. Due disabili sono stati trasportati all'ospedale di Bracciano per lo spavento e per intossicazione di lieve entità. Al momento non risultano feriti. La via Cusmano è stata chiusa perché é stata raggiunta dalle fiamme

Inizio
<< 10 precedenti
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX banner - 925 SEPARATORE 5PX 113 2 puntata SEPARATORE 5PX 113 1 puntata SEPARATORE 5PX ITALA SCANDARIATO SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact