Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Politica
Bracciano, Tellaroli (M5s): "Per onore della verità e della trasparenza sulla Delibera di Giunta che dichiarava “essere ostaggio da parte di un cittadino”
28/02/2017 20:25:00
"La verità è come il vetro che è trasparente se non è appannato per nascondere quello che c'è dietro basta aprire bocca e dargli fiato!"

 

BRACCIANO (RM) - Riceviamo e pubblichiamo la nota del Gruppo Consigliare Movimento 5 Stelle al Comune di Bracciano

 

Ecco la nota:

Per onore della verità e della trasparenza sulla Delibera di Giunta che dichiarava “essere ostaggio da parte di un cittadino”
Il 17 gennaio 2017 con protocollo n. 1856, il sottoscritto consigliere di minoranza Marco Tellaroli, richiedeva un accesso agli atti inerente alla copia del Fascicolo e tutti i suoi dati inerenti alla formulazione della suddetta Delibera, Registro n. 2 data 05/01/2016. Nell’attesa, il 19 gennaio 2017, i consiglieri sottoscrittori nei nomi di Marco Tellaroli, Alessandro Persiano, Claudio Gentili, Chiara Mango e Mauro Donato, dopo una breve riunione di minoranza, decisero di inviare agli organi competenti una copia della Delibera n.2/2017 “Per la tutela del Comune di Bracciano, Inviamo all’attenzione degli enti di controllo del territorio e delle amministrazioni, un atto con Oggetto: Delibera di Giunta comunale n. 2/2017 “Atto di indirizzo per incarico extragiudiziale per la tutela legale dell’ente nei rapporti con un cittadino” adottata nella seduta del 5 Gennaio 2017 (assenti il sindaco dott. Armando Tondinelli e l’assessore Geom. Remigio Marini)” “Un provvedimento che denuncia una situazione nella quale il Comune di Bracciano si troverebbe ostaggio di una persona. Nel provvedimento si parla di “toni perentori ed intimidatori” e della necessità di vagliare “le istanze ed il modus operandi del suddetto cittadino, al fine di individuare possibili azioni da intraprendere a tutela del corretto e sereno svolgimento dell’attività istituzionale, nell’interesse esclusivo dell’Ente e in ossequio al principio di imparzialità dell’azione amministrativa, minato dalle pressioni esercitate.”


Il 30 gennaio 2017, con prot. 3414, il sottoscritto Marco Tellaroli, ricevette la prima risposta dal Capo Area Amministrativa ed Affari generali, che dichiarava: “gli eventuali atti istruttori non sono nella disponibilità del Servizio di Segreteria”. Allorché il 31 gennaio 2017, inoltrai la risposta pervenutami, attraverso Pec prot. 3454, Al segretario Generale, Al Capo Area di Staff affari generali e Segretario Comunale f.f. “partecipante con poteri di f.f. e assistenza giuridico amministrativa” e alla posizione organizzativa di staff del Segretario Generale. L’oggetto della richiesta, fu: “copia degli Atti e Fascicoli come da prot. 1856, inerenti al fascicolo concernenti atti di indirizzo nella creazione della Delibera di Giunta comunale n.2/2017…”


Con nota prot 3722, il 01 febbraio 2017 alle ore 12:06, ricevetti la prima Pec, del Segretario Generale, dove per errore aveva tentato di mandarmi, copia degli atti concernenti in modo parziale, visto che erano formati da una copiosa documentazione, alle ore 12:11, ricevetti una nuova Pec dallo stesso Segratario, che diceva “la presente mail sostituisce la precedente. Si ricorda che la documentazione completa è depositata presso l’ufficio Segreteria, scusandomi per l’errore si inviano cordiali saluti. All’interno del corpo: “gli atti che hanno determinato l’adozione della delibera di G.C. n. 2/2017, si trasmette la documentazione richiesta relativa al periodo settembre 2016 – gennaio 2017”. Il giorno 2 febbraio 2017, ricevetti risposta via Pec, anche dalla Capo Area di Staff, con nota prot. N. 3943 con oggetto: “Tale disposizione contiene una tipizzazione delle relazioni personali o professionali sintomatiche del possibile conflitto di interesse e contiene anche una clausola di carattere generale in riferimento a tutte le ipotes” nel corpo del testo, mi veniva comunicato che, tali atti erano indirizzati al Segretario Generale e dal medesimo erano detenuti.
Dopo la presa consegna degli atti, dalla mia persona, ad una prima analisi è emerso che molti atti sono d’interesse pubblico, tra cause e sentenze della lottizzazione La Lobbra e via del Sassone, mentre gli attori concernenti sono: il Comune con nomi di alcuni dipendenti e tecnici e il cittadino Arturo Cimaglia, proprietario di alcune sentenze e cause. Il sistema di fotocopiatura dei documenti fronte-retroutilizzato, non permette una facile ricostruzione dei stessi documenti nella loro originale completezza (il fronte di una copia si riferisce ad un documento, mentre il retro della stessa copia si riferisce ad un diverso documento) e diverse mail e PEC non riportano il numero di protocollo.


Infine, va evidenziato che non tutti i documenti consegnati riportano la scritta “copia per il Consigliere Marco Tellaroli per uso fini istituzionali”. sistema di fotocopiatura dei documenti fronte-retroutilizzato, non permette una facile ricostruzione dei stessi documenti nella loro originale completezza.
Appare di difficile comprensione come documenti assunti agli atti del Comune in data successiva alla data della delibera, 05 gennaio 2017, possano avere determinato la volontà della Giunta e possano essere stati esaminati dalla stessa e posti dalla Giunta a presupposto della stessa delibera.
Infine, occorre precisare che da un primo esame della documentazione la stessa, oltre a risultare fotocopiata in modo disordinato, i documenti non sono divisi singolarmente e ordinati cronologicamente e risultata essere incompleta.
Per la tutela degli atti e delle vicende concernenti, il 6 febbraio 2017, depositai tali atti alla Procura della Repubblica di Civitavecchia, insieme al Consigliere Alessandro Persiano, integrando così l’esposto inviato via Pec in data 19 gennaio 2017 visto che trattavano di atti d’interesse pubblico, tra cause e sentenze della lottizzazione La Lobbra e via del Sassone, a noi sconosciuti fin all’accesso agli atti, se non per aver letto varie dichiarazioni stampa, negli anni trascorsi.


Il giorno 4 febbraio 2017, in totale trasparenza, mettendo a conoscenza e in lettura il Sindaco Armando Tondinelli, il Segretario Generale, il Presidente del Consiglio e tutto l’amministrativo, mandammo una Pec al cittadino Arturo Cimaglia, con oggetto: : formale iniziativa finalizzata all’acquisizione di informazioni, inerenti alle problematiche di interesse pubblico relative a via del sassone, ed alla sua richiesta di accesso ad Atti dovuti e non ancora rilasciati dall’Amministrazione comunale.
Il fine della nostra iniziativa visto che in qualità di Consiglieri di minoranza, abbiamo il compito di vigilare sull’operato di chi amministra, di dare suggerimenti e, se necessario, anche aiuti, nell’interesse della collettività. Nel corpo del testo di codesta mail scrivevamo:
 “Poiché la mole e la complessità degli atti ai quali abbiamo avuto accesso, non ci hanno permesso di avere una visione chiara e completa dei fatti e della situazione che si è venuta a determinare, con la presente vorremmo chiederLe:

•    la Sua disponibilità a permetterci di acquisire ulteriori informazioni inerenti alle problematiche di bene pubblico, legate alla realtà di via del sassone;
•    qualora fosse necessario, la Sua disponibilità a collaborare, per agire a tutela della correttezza delle procedure amministrative e degli interessi dei Cittadini, eventualmente anche chiedendo di indire un Consiglio Comunale;
•    la Sua disponibilità ad essere presente allo stesso, eventualmente anche con la presenza del suo legale, affinché il Consiglio tutto sia adeguatamente informato su tutti gli aspetti della vicenda, udendo anche la voce della controparte;
•    la Sua autorizzazione a formulare le relative domande scritte di cui all’oggetto della presente missiva, visto che, a nostro avviso, trattasi di atti concernenti l’interesse pubblico.”

Dopo la risposta affermativa del cittadino con nota di prot. 4168 del 05 febbraio ’17, trasmessa tra gli altri destinatari, riceviamo un nulla osta con atto d’indirizzo, nota prot. 4538 del 7 febbraio ’17 da parte del Sindaco Armando Tondinelli, che apprende la nostra richiesta d’indizione di un Consiglio Comunale dedicato alle annose questioni che vedono aspramente contrapposti il cittadino Arturo Cimaglia ed il Comune di Bracciano, trattandosi di contrasti, anche giudiziali, concernenti l’interesse della correttezza e del buon andamento della amministrazione della nostra città.

Con tale occasione, come da protocollo n. 5282 del 14 febbraio ’17, i consiglieri del gruppo Movimento 5 Stelle, Marco Tellaroli e Alessandro Persiano e con l’adesione del solo Consigliere Mauro Donato, richiesero la convocazione di un Consiglio Comunale, visto anche l’atto d’indirizzo nel nulla osta del Sindaco, chiedendo così ulteriori adesioni a tutti i consiglieri di maggioranza e minoranza, per ottenere un numero congruo di un 1/5 dei Consiglieri come previsto da legge.

Dopo un periodo di attesa, provammo a reiterare ulteriore richiesta, di nuovo a tutto l’organo politico, senza avere alcuna nuova adesione. Tale adesione è venuta a mancare anche dopo la condanna dell'Ingegner Di Matteo in sede penale, da parte del Tribunale di Civitavecchia il 13/02/2017 come da dispositivo n. 318 R. DIB. 1818/14 - procedimento penale rgnr 5906-13, per le vicende attinenti via del Sassone, dove la stessa Giunta si è Costituita parte Civile, nell'udienza del 21/02/2017.

Il 24 febbraio ’17, con registro numero 35/2017, in assenza del Sindaco dottor Armando Tondinelli, la Giunta, emetteva una seconda Delibera, che revocava e confermava l’illegittimità e i vizi della precedente delibera adottata il 5 gennaio 2017 n. 2/2017, anche se l’art.134 del Tuel recita che, dopo il decimo giorno dalla loro pubblicazione diventano esecutive, affermando così un nuovo atto d’indirizzo, contrario a quello del Sindaco Armando Tondinelli e confermando la mancanza di veridicità dei presupposti che l'avrebbero determinata.
Tale revoca, non spiega nemmeno ai cittadini le motivazioni della sua adozione.
Con ulteriore delibera infine, con registro numero 36/2017 del 24 febbraio ’17, la Giunta comunale, si è costituita parte civile nel procedimento penale rgnr 127/11 rg gip 3003/12 radicato presso il Tribunale di Civitavecchia, per vicende riconducibili a via del Sassone.

Da quanto sopra emerge con chiarezza che i consiglieri comunali della maggioranza, che non hanno aderito all’atto d’indirizzo del sindaco, impedendo così la convocazione del consiglio comunale, hanno di fatto, voluto sfiduciare il sindaco e impedire alla cittadinanza di conoscere la verità su tutta la questione che da anni blocca Bracciano.

Tale iniziativa di adunanza Comunale, aveva il fine di evitare ulteriori danni erariali e non, verso l'Ente.

La verità è come il vetro che è trasparente se non è appannato per nascondere quello che c'è dietro basta aprire bocca e dargli fiato! Cit. E.M.

Gruppo Consigliare Movimento 5 Stelle
 

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX OSSERVATORELAZIALETV SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX OFFICINASTAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact