Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Ambiente e cittadini
Nemi, rifiuti e acqua potabile: interviene il Garante del Servizio Idrico Integrato
06/10/2016 12:18:00
Il Garante evidenzia "una situazione fortemente emergenziale che espone “a grave e serio danno i cittadini del Comune

 

GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO [CLICCARE SOPRA LE FOTO PER INGRANDIRLE]

 

 

di Chiara Rai

 

NEMI (RM) - Il Garante regionale del Servizio Idrico Integrato Avvocato Paola Perisi interviene sulla questione gestione dei rifiuti in via della Radiosa a Nemi dove persiste un’area con dei cassonetti e ingombranti posati a terra a circa 50 metri da un pozzo dell’acqua in una zona piena di vincoli che ricade nel Parco Regionale dei Castelli Romani.

 

Il Garante - a cui spetta svolgere in piena autonomia ed indipendenza di giudizio, attività di analisi e valutazione della qualità dei servizi forniti negli ambiti territoriali ottimali, formulare proposte ed assumere iniziative a tutela e garanzia degli interessi degli utenti - interviene a seguito dell’esposto inviato da Ivan Galea, direttore editoriale del quotidiano L’Osservatore d’Italia. Un intervento concreto quello dell’Avvocato Paola Perisi che con una nota dettagliata e indirizzata all’Acea ATO 2 SPA, STO ATO 2 Lazio Centrale- Roma , all’ARPA Lazio, al Sindaco del Comune di Nemi e al nostro quotidiano autore dell’esposto, evidenzia una situazione fortemente emergenziale che espone “a grave e serio danno i cittadini del Comune, soprattutto in ordine alle ipotesi di inquinamento dell’acqua potabile dovuta a infiltrazioni nel terreno di sostanze nocive per la salute provenienti dai rifiuti”.

 

Il Garante quindi ha chiesto in sostanza chiarimenti che constano nell’ “inoltrare apposita urgente informativa circa la risoluzione, composizione e/o soddisfo dell’esposto in oggetto e si invitano gli organi competenti a porre, con urgenza, in essere tutte le iniziative e i rimedi necessari al fine di eliminare il pericolo derivante dalla vicinanza di un pozzo ad una discarica, a far eseguire analisi a campioni di acqua da prelevarsi nella zona segnalata e in zone limitrofe e a fare dei sopralluoghi per verificare la correttezza del posizionamento dei cassonetti per i rifiuti. Attività, allo svolgimento delle quali, vi comunico la mia completa disponibilità a partecipare”. Si tratta dunque di una nota alla quale gli organi destinatari dovranno dare risposte certe e che genererà sicuramente sopralluoghi e analisi dettagliate dell’acqua nella zona segnalata e in zone limitrofe.

 

Ma cosa è scritto nell’esposto di Galea? Sostanzialmente non è altro che l'articolo redatto sul caso dove analiticamente si spiegano i motivi del perché un “area rifiuti” non può insistere in via della Radiosa a circa 50 metri da un pozzo di approvvigionamento idrico per la cittadinanza. Qui ci sono diversi cassonetti per la raccolta dei rifiuti che hanno trasformato l’area in una sorta di discarica dove anche dai Comuni limitrofi si è presa l’abitudine di venire a gettare l’immondizia e gli ingombranti perché l’area è quasi sempre incustodita e la sorta di cancello realizzato è spesso e volentieri aperto come si evince dalle fotografie scattate negli ultimi tre mesi e anche questa mattina 6 ottobre 2016 dove addirittura è visibile un televisore abbandonato.

 

Ricordiamo che un televisore poggiato a terra e lasciato alle intemperie porta all'alterazione dell'equilibrio chimico-fisico e biologico del suolo, lo predispone all'erosione e agli smottamenti e può comportare l'ingresso di sostanze dannose nella catena alimentare fino all'uomo. C’è una normativa regionale che vieta la gestione rifiuti in prossimità di un pozzo dell’acqua . Infatti la legge regionale 24 del 1998 nelle norme tecniche relative il Piano Territoriale Paesistico dell'area dei Castelli Romani (PTP9) attualmente in vigore, all'articolo 6 "Protezione dei corsi e delle acque pubbliche" stabilisce che "I corsi d'acqua e le relative fasce di rispetto debbono essere mantenuti integri e inedificati per una profondità di metri 150 per parte. In poche parole adesso si è messo in moto anche il Garante del servizio Idrico pronto a partecipare ai sopralluoghi e, come scritto nella nota, a “fornire ogni assistenza utile a garanzia della osservanza dei diritti dell’utenza sanciti dalla Carta dei Servizi e riguardanti gli standard di qualità minimi di efficienza del servizio pattuiti con la convenzione di gestione”.

 

Intanto l’area è ancora aperta e gli ingombranti continuano ad essere poggiati sul terreno. 

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX RITORNO 9 GENNAIO 17 SEPARATORE 5PX L'INCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE SEPARATORE 5PX EVENT PROJECT SEPARATORE 5PX MABJ SEPARATORE 5PX CONNEXUS
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact