Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Un patrimonio da rilanciare
Rocca di Papa, svelato il mistero delle antenne di Monte Cavo: una parte della vetta è tornata di proprietà comunale
03/10/2016 08:31:00
Petrolati, delegato alle antenne e all'elettrosmog ha rivelato cifre e, come lui stesso ha asserito “svelato” un balletto che riguarda le particelle catastali

di Chiara Rai

ROCCA DI PAPA - Da attrazione turistica a sito per l’installazione di moltissime di antenne. A Rocca di Papa sono presenti 78 emittenti, con 30 tralicci e 40 relativi box per le apparecchiature. Fondamentale l’incontro dove si è parlato delle antenne a Monte Cavo organizzato dall’Amministrazione Comunale lo scorso 29 settembre. Bruno Petrolati, delegato alle antenne e all’elettrosmog ha rivelato cifre e, come lui stesso ha asserito “ svelato” un balletto che riguarda le particelle catastali, per cui una parte della vetta da giugno è tornata di proprietà del Comune. “Questo significa – ha detto Petrolati - che per anni dei privati hanno percepito dei canoni che avrebbe potuto percepire l’Amministrazione Comunale. Noi non vogliamo monetizzare la salute delle persone, ma questa sembra essere un’appropriazione indebita e quindi pretenderemo la restituzione di quanto perso. Si tratta di milioni di euro”. Attraverso una folta sequenza di immagini e documenti, Petrolati ha dunque ricostruito la storia di Monte Cavo, dagli inizi del secolo scorso all’“età dell’oro” degli anni ’50 e ’60, finendo poi con l’illustrare come si è trasformata. A coordinare l’incontro è stato Roberto Sinibaldi, esperto in pianificazione ambientale.

Il sindaco Emanuele Crestini ha detto a chiare lettere: “Noi siamo per il principio di precauzione: in mancanza di dati certi sulle conseguenze di lungo periodo delle onde elettromagnetiche, riteniamo opportuno adottare una posizione prudenziale. Per questo vogliamo limitare al massimo l’esposizione della popolazione alle emissioni e togliere rapidamente più antenne possibile.”E ha aggiunto: “Perciò abbiamo impegnato una persona specificamente su questo argomento – continua il sindaco – in modo tale che possa dedicarsi appieno al raggiungimento di uno dei nostri principali obiettivi, ovvero la liberazione di Monte Cavo. Il lavoro svolto in questi mesi ha fatto diventare il Comune di Rocca di Papa il principale interlocutore dei proprietari dei tralicci e delle antenne. Non possiamo più tollerare che dei privati possano fare i propri interessi danneggiando il nostro paese, il nostro paesaggio, senza neanche interpellare le autorità locali. Sembra assurdo, ma finora è stato così. Oggi le cose sono cambiate e anche i ‘giganti’ se ne sono accorti. Non nascondiamo le difficoltà, ma con il sostegno dei cittadini, siamo determinati a proseguire verso il nostro obiettivo, quello di far tornare Monte Cavo uno dei luoghi più suggestivi dei Castelli Romani”. 

E comunque sotto il profilo delle emissioni arrivano buone notizie da Rocca di Papa. A Monte Cavo "i valori di campo elettrico riscontrati nella giornata di rilevazione (1 luglio 2016), dovuti alle emissioni dal sito complesso di Monte Cavo, risultano inferiori al valore di attenzione per il campo elettrico previsti dalle norme in vigore – pari a 6V/m - ". Però, i valori di campo elettrico più alti sono stati rilevati in via Osservatorio e piazza della Repubblica dove, rispetto Monte Cavo, la frequentazione dei cittadini è alta. Questo quanto emerge dall’ultima relazione dell’Istituto Superiore di Sanità. 

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX RITORNO 9 GENNAIO 17 SEPARATORE 5PX L'INCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE SEPARATORE 5PX EVENT PROJECT SEPARATORE 5PX MABJ SEPARATORE 5PX CONNEXUS
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact