Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
L'inchiesta
Nemi: monta il caso della gestione dei rifiuti
06/09/2016 21:14:00
Tra lettere anonime e situazioni imbarazzanti il consigliere Cinzia Cocchi auspica una presa di coscienza e d’interesse della cosa pubblica


di Ivan Galea


NEMI (RM) - Primi riscontri a Nemi sulla questione "gestione rifiuti" svolta presso un'area situata nelle immediate vicinanze - circa 54 metri - del pozzo dei Corsi che serve acqua potabile alla popolazione. A sollevare la questione, alla quale abbiamo dato ampio risalto su questo quotidiano, lo scorso 14 luglio l'associazione Italia Nostra per voce del suo rappresentante locale Vairo Canterani. L'area in questione, che in questo momento lo ricordiamo, viene utilizzata dalla società Lazio Ambiente - le cui quote societarie sono di intera proprietà della Regione Lazio -  per gestire i rifiuti di Nemi, nonostante il Decreto Legislativo 152/2006 all'articolo 94 vieti la "gestione dei rifiuti" in presenza di pozzi che servono acqua per uso umano e che fissa una zona di rispetto di 200 metri,  è stata addirittura scelta come sito per realizzare un'isola ecologica. Lo scorso 13 luglio, infatti, il Consiglio comunale di Nemi ha approvato   il progetto in variante e durante la seduta la consigliera di opposizione di "Partecipazione Democratica" Stefania Osmari, astenutasi dal voto, ha espresso le proprie riserve riguardo la vicinanza del sito a pozzi e serbatoi senza voler però contestare la valutazione dei tecnici che si sono espressi al riguardo o la loro professionalità.


Il cittadino anonimo scrive al sindaco Intanto un cittadino che ha preferito restare anonimo ha inviato una lettera indirizzata al sindaco e per conoscenza ai carabinieri di Nemi, alle consigliere di opposizione Stefania Osmari e Cinzia Cocchi e al direttore de L'Osservatore Laziale.
Nella lettera, che alleghiamo per intero, oltre a ripercorre quello che è stato l'iter, ormai settennale, in cui si è cercata una soluzione per realizzare l'agognata isola ecologica, il cittadino chiede di sapere chi è il tecnico che ha sottoscritto la tavola unica del progetto di variante urbanistica, la relazione tecnica e il quadro economico in considerazione della vicinanza del pozzo di captazione di acque sotterranee e che immette acqua potabile nella rete idrica destinata alla cittadinanza.

Regione Lazio, Lazio Ambiente e conferenza dei Servizi Una vicenda, questa, per taluni sicuramente imbarazzante, che vede ora una società, la Lazio Ambiente SpA, di esclusiva proprietà della Regione Lazio, gestire i rifiuti in un'area per la quale la legge parla chiaro e che vedrà l'ente Regione approvare o meno, in sede di conferenza dei servizi, il progetto di variante per il sito dove il Comune di Nemi è intenzionato a realizzare l'isola ecologica che sarà gestita, con tutta probabilità dalla controllata regionale Lazio Ambiente SpA.

La questione è ormai nota a tutti,
istituzioni comprese e sicuramente una decisione sull'attuale gestione dei rifiuti e sul futuro dell'isola ecologica che si intende piazzare vicino al pozzo d'acqua potabile dovrà  essere presa.

 

La lettera alla cittadinanza di Cinzia Cocchi Intanto la Consigliera di opposizione di "Insieme per Nemi" ha esposto nella bacheca di corso Vittorio Emanuele la lettera del cittadino anonimo insieme ad una sua lettera aperta alla cittadinanza di Nemi.


Ecco la lettera di Cinzia Cocchi alla cittadinanza esposta insieme alla lettera del cittadino anonimo:

"Cari Concittadini,
ad onor della trasparenza, pubblico la lettera anonima che mi è stata recapitata a mezzo raccomandata. Non approvo le persone che, pur facendo delle critiche utili alla comunità, si celano dietro all’anonimato.  La scelta di rendere nota questa missiva, è per dare uno stimolo, con la speranza che  tutti i cittadini trovino il coraggio e l’orgoglio di sentirsi parte attiva nella gestione amministrativa del proprio paese. Pertanto, nell’auspicare una presa di coscienza e d’interesse della cosa pubblica, faccio appello ancora una volta a tutti i cittadini a partecipare alle sedute del Consiglio Comunale, compreso il cittadino “Nemese incredulo e arrabbiato”, autore della missiva.
 Quello che spesso si legge nelle delibere consiliari, è un riassunto molto sintetico e a volte impreciso, vista anche la difficoltà di verbalizzare l’intero dibattito. Quindi, ritengo ingiuste le critiche gratuite nei confronti dei consiglieri comunali, specialmente di opposizione, che, nonostante le innumerevoli difficoltà nell’espletare la loro azione di controllo e di critica mediante i loro interventi, sono sempre presenti e combattivi nel  difendere e tutelare i diritti di tutti.
 A tal proposito, rinnovo la richiesta di una diretta streaming dei Consigli Comunali, in mancanza di mezzi appropriati, sarebbe utile anche una semplice registrazione messa  a disposizione dei cittadini sul sito del Comune.
Caro Cittadino “Nemese incredulo e arrabbiato”, spero di averti dato voce e coraggio, ora, aspettiamo insieme ai nostri concittadini, vista l’urgenza del caso, una cortese sollecita risposta da parte del Sindaco!

                                Il Consigliere Comunale
                                   Insieme per Nemi
                                       Cinzia Cocchi"

 

                                 IL VIDEO ESCLUSIVO DE L'OSSERVATORE D'ITALIA

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX RITORNO 9 GENNAIO 17 SEPARATORE 5PX L'INCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE SEPARATORE 5PX EVENT PROJECT SEPARATORE 5PX MABJ SEPARATORE 5PX CONNEXUS
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact