Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
La vicenda
Anguillara, cave di basalto: il Tar decide a ottobre
28/07/2016 10:59:00
Tutta la storia da Antonio Pizzigallo ai giorni nostri

di Ivan Galea

ANGUILLARA (RM) - Ad Anguillara sulla questione cave di basalto la Giunta comunale non ha accettato le proposte di transazione presentate dalle società MC CUBO srl e Inerti Nazionali srl,  finalizzate alla rinuncia da parte del Comune di Anguillara al ricorso pendente dinanzi al TAR Lazio. L'Ente locale sabatino conferma quindi la volontà di voler proseguire l'iter davanti il Giudice amministrativo chiamato a definire i ricorsi pendenti nell'udienza pubblica fissata per il prossimo 11 ottobre 2016.

La vicenda nasce sotto il governo di Antonio Pizzigallo, a gennaio del 2010, quando il Consiglio comunale approvava di porre in essere tutte le azioni necessarie a vietare l’apertura di nuove cave e qualsiasi altra nuova attività estrattiva nel territorio di Anguillara inoltrando l'atto al competente ufficio regionale. Veniva quindi negata l’autorizzazione delle istanze in itinere in sede di conferenza di servizi, ad eccezione di eventuali richieste di ampliamento di cave già autorizzate. Nel 2012, sotto la legislatura di Francesco Pizzorno la massima assise comunale approvava una mozione con cui si obbligava la Giunta Comunale, lo stesso Consiglio Comunale e l’Amministrazione a porre in essere tutte le azioni legali ed amministrative nei confronti della Regione Lazio per vietare le nuove cave di basalto al Quartaccio diffidando il Presidente della Regione Lazio a non rilasciare nuove autorizzazioni per apertura di cave. Si deliberava, inoltre, di verificare la fattibilità con l’Ufficio tecnico e successivamente di approvare una variante urbanistica a tutela e salvaguardia dell’intero territorio comunale dall’apertura di nuove cave in assenza di una seria programmazione della L.R. n. 17/2004 e comunque sino ad esaurimento di quelle esistenti. E di eseguire una mappatura di tutte le cave esistenti da mandare al dipartimento Regionale.A maggio del 2013 si adottatò una modifica alle NTA della Variante al PRG stabilendo che “nelle zone agricole, fatta eccezione per gli ampliamenti di quelle esistenti e regolarmente autorizzate, è tassativamente vietata l’apertura di nuove cave sino alla regolamentazione del PRAE, di cui alla legge regionale n.17/2004. Successivamente a tale regolamentazione, lo sfruttamento minerario potrà essere concesso compatibilmente con la verifica dei presupposti di interesse sovra comunale”.

Le autorizzazioni della Regione Lazio e i ricorsi al TAR  Così nel 2014 la Regione Lazio, con proprie deliberazioni, autorizzava le società MC CUBO srl e Inerti Nazionali srl all’apertura di nuove cave di basalto  nelle località di  Quartaccio e Quarticillo ad Anguillara. Il Comune di Anguillara Sabazia proponeva quindi ricorso  al TAR Lazio contro le autorizzazioni rilasciate dalla Regione Lazio chiedendo la "sospensiva" in attesa della decisione di merito. Intervennero anche, con altri ricorsi, Sergio Manciuria, Tiziana Tornovi, Mario Fantauzzi, Amanzio Fabbri, Cristiana Peluso, Gloria Peluso, Adriano Serafini, Claudio Forotti, Marco Fagotti, Francesco Cherubini, Alessandro Capparella. Il Tribunale Amministrativo del Lazio ritenne di non concedere la "sospensiva" stabilendo che la causa dovesse essere definita direttamente nel merito, sia per la materia trattata, sia perché le parti erano due pubbliche amministrazioni per cui il provvedimento cautelare non avrebbe definito la questione.

Rischio commissariamento e il rilascio delle autorizzazioni comunali Tra marzo e aprile del 2015 la Regione Lazio, vista l'inerzia del Comune di Anguillara nello stipulare le convenzioni con le due società estrattive faceva partire l'iter per nominare un commissario ad acta al fine di procedere con le autorizzazioni. A questo punto l'amministrazione comunale, per evitare il commissariamento, rilasciò, tra aprile e agosto del 2015, le autorizzazioni alle due società confidando nella prosecuzione dei ricorsi pendenti al TAR Lazio.

La proposta di transazione delle società estrattive Ottenute le autorizzazioni la MC CUBO srl e la Inerti Nazionali srl, tra settembre e novembre del 2015 proposero al Comune di Anguillara una transazione. In pratica si chiedeva al all'amministrazione comunale di rinunciare al contenzioso pendente al Tar in cambio di interventi di manutenzione aggiuntivi al contributo dovuto in virtù della legge regionale di riferimento e delle convenzioni stipulate. Il governo di Anguillara a guida Pizzorno chiese quindi al Tar il rinvio della discussione nel merito per avere il tempo necessario di sottoporre le proposte avanzate dalle due società all'attenzione del Consiglio comunale.   

La petizione popolare Si tenne quindi la seduta di Consiglio comunale dove si decise, tra l'altro, di sottoporre la questione alla consultazione popolare del Comitato di quartiere n.9  che lo scorso 27 giugno diede come responso un secco no alle cave di basalto. Ben 394 no rispetto 40 si e 5 schede bianche non lasciavano quindi ombra di dubbio sulla volontà dei residenti.

L'udienza di merito dell'11 ottobre 2016 Per il ricorso del 2014, integrato da motivi aggiunti, proposto dal Comune di Anguillara, rappresentato dall'avvocato Francesco Rosi e per quelli proposti da Sergio Manciuria, Claudio Forotti, Mario Fantauzzi, Marco Fagotti, Francesco Cherubini, Alessandra Capparella, Tiziana Tornovi, Amanzio Fabbri, Cristiana Peluso, Gloria Peluso, Mario Fantauzzi, Serafino Adriani rappresentati dagli avvocati Paolo Giammarioli e Domenico La Tempa, l'ultima parola sul futuro delle cave di basalto ad Anguillara è demandata al Giudice amministrativo che entrerà nel merito dell'intera vicenda nell'udienza pubblica fissata per il prossimo 11 ottobre 2016

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX RITORNO 9 GENNAIO 17 SEPARATORE 5PX L'INCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE SEPARATORE 5PX EVENT PROJECT SEPARATORE 5PX MABJ SEPARATORE 5PX CONNEXUS
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact