Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Controlli a tappeto
Anguillara, blitz dei Vigili a Vigna di Valle: panico e "trucchi di magia"
22/07/2016 20:10:00
L'operazione di verifica è stata condotta insieme ai Carabinieri e agli uomini dell'ex Ardis

di Ivan Galea
ANGUILLARA (RM)
- Blitz, ieri, di Carabinieri, Polizia locale e uomini dell'ex Ardis, sul lungo lago di Vigna di Valle ad Anguillara. L'operazione congiunta è stata effettuata al fine di verificare la regolarità degli stabilimenti balneari nonché degli esercizi commerciali che insistono nella zona balneare. Si risolleva dunque l'annosa problematica, ancora irrisolta, delle concessioni degli arenili di Vigna di Valle da parte della Regione Lazio che sembrano essere rimaste nel limbo dell'incertezza in quanto la stragrande maggioranza delle attività presenti sul lungolago di fatto non hanno ancora ricevuto una risposta da parte dell'Ente sovracomunale e, sebbene contro la loro volontà, la maggior parte non risulta in regola. Nei fatti sono circa due gli stabilimenti che possono vantare tale status di regolarità.

 

Le denunce  A far scaturire il blitz una questione che si trascina da oltre un ventennio condita da numerossisime denunce che presentano gli stessi gestori, ormai in guerra aperta tra loro, suddivisi in tra anguillarini e anguillaresi, che anziché essere coesi per una causa comune, si fanno la guerra per qualche metro quadro in più di spiaggia.

 

Il Comandante della Polizia Locale di Anguillara Francesco Guidi comandante della Polizia Locale di Anguillara raggiunto telefonicamente, ha confermato che a parte due/tre realtà il resto delle attività balneari è privo di concessione, quindi di fatto abusivo.  E che adesso si procederà, come da prassi, a trasmettere l'esito dei controlli in Procura oltre che relazionare il sindaco. Di certo sembrerebbe che questa volta la situazione sia destinata a risolversi, in un verso o nell'altro.  

 
"Trucchi di magia"
Singolari le dinamiche che si sono invece verificate poco lontano dallo stabilimento Il Delfino dove c'è stato un palese "scompari e poi riappari" da parte di un altro stabilimento. Ma veniamo ai fatti: il giorno del blitz l'area solitamente occupata è magicamente apparsa interamente deserta, priva persino dell'insegna dello stesso stabilimento che fino al giorno prima operava come tutti gli altri. Questa mattina, 22 luglio 2016, invece, sempre magicamente, tutto è tornato al suo posto: stabilimento, insegna, ombrelloni e lettini. Infatti, pressoché all'alba c'è stata una notevole attività di scarico delle attrezzature al fine di "rimettere tutto al suo posto".   Più di qualcuno si è chiesto se prima del blitz ci sia stata qualche "soffiata" di vento sabatino che ha spazzato via ogni traccia dello stabilimento.

 
Il paradosso Altra singolarità è il paradosso nel quale è incappato un altro titolare di stabilimento verificato durante il blitz.. Carlo Franco racconta che ha presentato regolare domanda di concessione alla Regione Lazio per un appezzamento di arenile situato tra gli stabilimenti Il Delfino e il Bagno 33. Franco ha evidenziato quindi il fatto che, nonostante la Regione abbia acquisito i nulla Osta dal Parco, dal Comune e dall'Ardis, ad oggi, trascorsi oltre i 180 giorni di legge,  non ha ricevuto ancora nessun tipo di riscontro, vedendosi quindi costretto a presentare un esposto alla Regione Lazio. Il paradosso è che per una burocrazia elefantiaca, chi ci va di mezzo è sempre il cittadino comune, infatti durante il blitz a Franco è stato detto che per quell'appezzamento rischia una denuncia penale per abuso su area demaniale così come la rischiano ora la maggior parte delle attività senza concessione regionale. Sicuramente superare le lotte interne tra gestori potrebbe aiutare a risolvere la situazione con vantaggi per gli stessi. 
 

Pubblicitá
SEPARATORE 5PX RITORNO 9 GENNAIO 17 SEPARATORE 5PX L'INCHIESTA SEPARATORE 5PX NEMI GESTIONE RIFIUTI SEPARATORE 5PX ULTIMI VIDEO SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE SEPARATORE 5PX EVENT PROJECT SEPARATORE 5PX MABJ SEPARATORE 5PX CONNEXUS
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact