Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Concorsi
Al secondo posto si è piazzato il ristorante Harvey
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM) - La “Parmigiana di lago” preparata dal ristorante Lo Chalet del Lago del lungolago Reginaldo Belloni ha conquistato il primo premio al IV Concorso Gastronomico “Il Lago in Tavola” organizzato ad Anguillara dall’Associazione Culturale Sabate il 9 giugno nell’ambito delle attività della 57^ Sagra del Pesce. Al secondo posto si è piazzato il ristorante Harvey in piazza Augusto Montori, a due passi dalle rive lacustri, con uno splendido “Trionfo di Lago”. Un piatto davvero innovativo che ha accostato il luccio marinato nell’uovo al gelato di frutti di bosco. Nel Trionfo anche una speciale polpetta di pesce di lago servita su una mousse di pomodoro e basilico. Il terzo posto è andato al ristorante Ciccio Pasticcio in via Doria D’Eboli che ha concorso con “Maltagliati fatti a mano all’uovo al sapore di lago con cannella e zucchine”. Apprezzate anche le preparazioni del Ristorante Da Eva di lungolago Belloni che ha concorso con un “Boccalone al cartoccio con pomodorini e zucchine” e del Ristorante La Nepitella di vicolo dei Pescatori che ha presentato “Tonnarelli al luccio, coregone e tinca”. I premi sono stati assegnati da una giuria di cinque membri (Graziarosa Villani, Domenico Bianchini, Patrizia Onorati, Roberto Rondini e Umberto Giannini) seguendo i criteri del gusto, della presentazione, dell’accoglienza e della tipicità.


Grande entusiasmo è stato manifestato dai vincitori nel corso delle premiazioni che si sono tenute domenica 11 giugno in piazza del Molo nel corso della Sagra. A premiare i partecipanti il presidente della Pro Loco Anguillara Giovanni Smarchi. Oltre ai diplomi i primi classificati hanno ricevuto in dono delle opere di artisti locali: un immagine di Anguillara del fotografo Daniele Ruggeri per il primo classificato, una veduta di Anguillara di Carla Villani per il secondo classificato, una cartella di litografie raffiguranti monumenti di Roma per il terzo classificato.
“Anche questa volta – commenta l’Associazione – l’impegno è stato notevole. L’obiettivo è stato quello di promuovere il consumo del pesce di lago e ci auguriamo che i ristoranti inseriscano nei loro menù le pietanze in concorso. Ringraziamo in primo luogo i ristoratori che si sono messi in gioco, quindi gli artisti che hanno messo a disposizione le loro opere. Vogliamo infine scusarci con quei ristoranti, tra cui il ristorante Al Posto Giusto in via del Trivio, che non siamo riusciti a contattare in vista del concorso. La promozione della pesca – aggiunge l’Associazione resta uno dei nostri obiettivi principali e ci stiamo impegnando per ampliare il più possibile la sezione pesca del Museo Storico della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare Augusto Montori che abbiamo fondato nel 1992 e che da allora gestiamo con grande spirito di volontariato. Il concorso ha dimostrato che il pesce di lago può essere oggetto di infinite ricette tutte da gustare al meglio”.
 

Soldi pubblici
Un costo quindi, per la comunità, che si aggiunge a quello delle varie indennità percepite dagli amministratori pubblici e a quello dei vari gettoni percepiti dai Consiglieri comunali
immagine

 

di Ivan Galea


ANGUILLARA (RM) - Il Comune di Anguillara ha impegnato 5mila euro per rimborsare i datori di lavoro degli amministratori comunali per le assenze effettuate da quest’ultimi per l’espletamento del loro mandato elettivo. La legge dispone infatti che i lavoratori dipendenti, pubblici e privati, componenti dei Consigli comunali, provinciali, metropolitani, delle comunita' montane e delle unioni di comuni, nonché dei consigli circoscrizionali dei comuni con popolazione superiore a 5000 abitanti, hanno diritto di assentarsi dal servizio per l'intera giornata in cui sono convocati i rispettivi Consigli, disponendo inoltre che le assenze dal servizio sono retribuite al lavoratore dal datore di lavoro e che gli oneri per i permessi retribuiti sono a carico dell'ente, in questo caso il Comune di Anguillara, presso il quale i lavoratori dipendenti esercitano le funzioni pubbliche.

Un costo quindi, per la comunità, che si aggiunge a quello delle varie indennità percepite dagli amministratori pubblici e a quello dei vari gettoni percepiti dai Consiglieri comunali.
 

L'emergenza
I sindaci di Anguillara, Bracciano, Trevignano e i presidenti del Parco di Bracciano e Martignano e del Consorzio di Navigazione chiedono la revisione per lo sfruttamento delle acque
immagine

 

Redazione


 
BRACCIANO (RM)
- “nella mattinata odierna abbiamo dato mandato legale di presentare unitariamente un esposto alla Procura della Repubblica di Civitavecchia affinché accerti le responsabilità in ordine alla inquietante condizione ambientale in cui si trova l’ecosistema del bacino lacustre di Bracciano a rischio di ulteriori mutamenti e conseguente disastro ambientale. Questa azione sarà utile affinché gli organi competenti possano eseguire gli opportuni accertamenti e valutare la sussistenza di eventuali profili penalmente rilevanti in relazione ai fatti dedotti. Abbiamo dunque ravvisato formalmente la necessità dell'intervento della Pubblica Autorità per la pronta risoluzione della vicenda descritta, qualora fossero rilevate responsabilità specifiche in capo a soggetto/i e/o Enti o comunque effettivi responsabili, per la presenza di condotte che fossero ritenute contrarie alla legge ponendo all’attenzione della procura il serio e concreto rischio di imminente disastro ambientale. Abbiamo dunque chiesto di valutare gli eventuali profili d'illiceità penale degli stessi e, nel caso, individuare i possibili soggetti responsabili al fine di procedere nei loro confronti formulando altresì denuncia-querela, nell'ipotesi in cui dagli accertamenti svolti dalle Autorità competenti dovessero emergere fattispecie di reato per i quali la legge richiede la procedibilità a querela di parte” Lo dichiarano in un comunicato congiunto i Sindaci di Anguillara Sabazia, Trevignano Romano, Bracciano, Presidenti del Parco Naturale di Bracciano e Martignano e Consorzio di Navigazione nella quale si legge:
“L’attuale situazione non può consentire alcun indugio da parte delle Amministrazioni che rappresentiamo in difesa dei nostri territori, dei beni comuni e dei cittadini e questo atto di natura legale, parallelo all’intenso lavoro che stiamo svolgendo con tutti gli Enti sovraordinati, le Associazioni e i Comitati per reperire soluzioni concrete è opportuno perché la tutela del lago sul quale si fonda la nostra storia, il nostro ecosistema, la nostra società e la nostra economia non può continuare a subire colpi mortali” la nota dei Sindaci e dei Presidenti del Parco Naturale di Bracciano e Martignano e del Consorzio di Navigazione prosegue “oltre agli interventi urgenti e straordinari che ACEA Ato2 ci ha comunicato di aver messo in programma riteniamo necessario e improrogabile la revisione dell’anacronistica concessione del 1990 con la quale si decise che il Lago di Bracciano potesse essere sfruttato come riserva idrica strategica del Comune di Roma. Infatti, mentre la concessione vigente e sottoscritta nel lontano 1990 prevedeva la captazione ad uso idropotabile per servire Roma Capitale di moduli medi 11 (litri/sec. 1100) con un valore massimo, in casi eccezionali, di mod. 50, assicurandosi in tali casi, il mantenimento delle escursioni del livello del lago nell’ambito di quelle naturali, oggi la questione è mutata notevolmente. Difatti oggi A.C.E.A. Ato2 assicura, anche grazie alle acque del lago di Bracciano, l’acqua a 74 comuni invece che al solo Ente Roma Capitale, come previsto dalla convenzione del 1990, le captazioni sono superiori ai 1100 litri/sec medi previsti e che si sta prelevando molto di più per la crisi idrica in atto nella Regione Lazio. Siamo quindi in regime di eccezionalità, come stabilito dalla convenzione ma non si stanno mantenendo le escursioni del livello del lago nell’ambito di quelle naturali. Si deve prendere formalmente atto che l’equilibrio ecosistemico è a rischio e che soprattutto l’escursione del livello del lago non è nell’ambito di un’escursione di livello naturale, ma che al contrario siamo di fronte ad un abbassamento del tutto eccezionale ed eccessivamente repentino, con caratteristiche uniche su cui A.C.E.A Ato2 sta influendo sensibilmente e concretamente, captando grandi quantità di acqua che abbassano ogni giorno drasticamente i livelli del lago di Bracciano. A.C.E.A Ato2 sta prelevando acqua e prevede di prelevarne ancora, sebbene l’Ufficio Speciale del Genio Civile per il Tevere e per l’Agro Romano, valutando il progetto e la concessione del 1990, abbia disposto nel parere vincolante tra le prescrizioni che “… su tali condotte verranno inserite le saracinesche di apertura e chiusura ed un sifone idraulico che provveda a disinnescare automaticamente le condotte non appena il livello dell’acqua scende sotto la quota minima di m 161,9”. Attualmente il livello del lago è a 161,8 metri, ma la captazione non è stata disinnescata”
nel comunicato, in conclusione si legge che: “se la siccità e l’aumento delle temperature sono fattori che non possono essere controllati e gestiti a livello locale dagli scriventi, la captazione delle acque ad uso idropotabile è un fattore che può essere regolato e che è regolamentato da una concessione che allo stato attuale dei fatti sembra essere disattesa nelle sue linee di controllo e di tutela ecosistemica. Proseguiamo uniti e compatti in questa che definiamo una battaglia di civiltà e a tal proposito, al fine di rendere partecipi tutti i cittadini singoli e associati, tutti dalla stessa parte nella protesta e nella proposta, stiamo definendo verosimilmente per la mattinata del 1 luglio una iniziativa di mobilitazione popolare”

 

Emiliano Minnucci (PD) “Lo avevamo detto e lo abbiamo fatto: insieme alla Presidente Villani del Comitato per la Salvaguardia del Lago di Bracciano e accompagnato dagli avvocati Falconi e Calvigioni, questa mattina ho fatto visita alla Procura della Repubblica per depositare una denuncia nei confronti di Acea relativamente alla situazione del Lago di Bracciano. Dopo gli appelli di questi ultimi mesi, caratterizzati peraltro da manifestazioni dei cittadini e interrogazioni parlamentari, quello di questa mattina è indubbiamente un atto dovuto nei confronti del nostro territorio e delle nostre comunità che non possono certo arrendersi all’idea di vedere morire un bacino naturale a causa dell’indifferenza della società di piazzale Ostiense. Alterazione dell’intero ecosistema lacustre, riduzione delle capacità autodepurative del sistema, scomparsa delle specie animali, accentuazione dei fenomeni erosivi e depressione del contributo alla portata del fiume Arrone che ha generato peraltro un progressivo aumento delle concentrazioni di arsenico nelle acque: sono queste le maggiori conseguenze dell’abbassamento del livello del Lago di Bracciano provocato, ribadiamolo, non solo dalla scarsità delle precipitazioni ma anche dai continui prelievi di Acea che, da quanto riferito in questi giorni dal Presidente Saccani alle stesse amministrazioni locali, verranno anche aumentati al fine di far fronte alla carenza idrica degli acquedotti attualmente in uso. Acea non può considerare il Lago di Bracciano una riserva idrica da utilizzare in maniera spasmodica e senza considerare la condizione delle sue acque. Acea, anche in virtù del protocollo d’intesa del 2015 e della Direttiva Quadro sulle Acque, ha il dovere di osservare le prescrizioni emanate a norma di legge dalle Autorità competenti prestando grande attenzione alla tutela e alla salvaguardia del territorio. In questo quadro, bene anche l’iniziativa promossa dalle Amministrazioni Comunali di Anguillara, Bracciano e Trevignano che, unitamente alla nostra denuncia, questa mattina a Civitavecchia hanno presentato un esposto chiedendo l’intervento dell’Autorità giudiziaria. Ora, con la denuncia odierna, la palla passa alla Procura della Repubblica che, mi auguro, prenda subito in esame la situazione tanto da valutare eventuali profili di illiceità penali e individuare i soggetti responsabili”. È quanto riferito dal deputato PD, Emiliano Minnucci, che oggi a Civitavecchia è stato ricevuto dal Procuratore della Repubblica, Andrea Vardaro, in merito all’abbassamento del livello delle acque del Lago di Bracciano.

Eventi
Ancora in forse la partecipazione dell’assessore del Comune di Anguillara Andrea Piccioni invitato a partecipare all’approfondimento televisivo
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM) - La variante al Piano Regolatore di Anguillara approvata dalla Regione Lazio lo scorso 13 giugno 2017 sarà l’argomento centrale dell’approfondimento della puntata di Officina Stampa di giovedì 22 giugno, il programma in diretta web tv condotto dalla giornalista Chiara Rai. Una variante, quella approvata che regolerà di fatto la politica urbanistica dei prossimi anni di Anguillara.

 

A parlarne in diretta, a partire dalle ore 18 di giovedì 22 giugno 2017, per spiegare cosa cambierà di fatto per la città sabatina, Sergio Manciuria, presidente di AnguillaraSvolta  nonché esperto in materia ed estensore del PRGC del 2006.

Resta invece ancora in forse la partecipazione dell’assessore all'Urbanistica, Edilizia Pubblica Privata e Scolastica, Aree Periferiche, Contenzioso del Comune di Anguillara Andrea Piccioni invitato a partecipare all’approfondimento televisivo sulla questione della variante anche per cercare di dare quelle risposte ai numerosi cittadini che sul social facebook hanno sollevato diverse questioni in merito alla variante al Prgc ora approvata e che secondo alcuni poteva essere ritirata in autotutela.

 

Interverranno poi altri ospiti per fare il punto sulla situazione relativa le concessioni degli arenili ad Anguillara e Martignano e sulla situazione del lago di Bracciano
 

PER GUARDARE LA PUNTATA DIRETTAMENTE SU QUESTA PAGINA A PARTIRE DALLE ORE 18 DI GIOVEDI' 22 GIUGNO 2017 CLICCARE SULLA FINESTRA SOTTOSTANTE

L’associazione del lago di Bracciano si schiera al fianco dei cittadini che protestano contro la possibilità che l’area di Pizzo del Prete diventi la nuova discarica di Roma
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM)
- L’associazione “Diritti Cittadinanza del Lago” sostiene la protesta che stanno portando avanti i cittadini e i comitati civici, i quali sabato mattina hanno bloccato la statale Aurelia per dire “NO” alla nuova discarica, contro la decisione della Città Metropolitana di Roma (l'ex Provincia) di classificare la zona di Pizzo del Prete, al confine tra il comune di Fiumicino e quello di Cerveteri, come «area bianca», vale a dire idonea a ospitare una discarica o un inceneritore.

 

Una situazione incredibile, che vede ancora una volta al centro delle proteste l'ipotesi di impiantare un sito per il trattamento dei rifiuti a Pizzo del Prete. A manifestare a Torrimpietra alcuni sostenitori e fondatori dell’Associazione, Giovanni Chiriatti e Patrizia D’Andrea, i quali commentano così la loro presenza: “Dopo 5 anni ci risiamo, a combattere contro i rifiuti della Capitale. Come cittadini del comune di Anguillara Sabazia, residenti a Ponton dell'Elce (già gravemente deturpato dalla presenza delle cave), quartiere adiacente alle «zone bianche», disposte dalla Città Metropolitana per ospitare la discarica per i rifiuti di Roma, ci sentiamo ancora una volta presi in giro da tutta la classe politica. Lo ripetiamo: ancora una volta, di fronte ai rifiuti, i poteri forti sono ancora più ‘sporchi!’. La nostra rabbia – continuano Chiriatti e D’Andrea – sta nel fatto che la lettera datata 4 maggio di Città Metropolitana, che avrebbe individuato in «Pizzo del Prete» (tra Fiumicino e Cerveteri) , un posto adatto a ospitare la «monnezza» della Capitale, rappresenta un territorio dal valore inestimabile per il comparto dell’agricoltura, se nella malaugurata ipotesi fosse accolta la proposta, comporterebbe un contraccolpo per tutto l’indotto. Non solo. Si andrebbe a intaccare un’area legata a vincoli paesaggistici, con una grave ripercussione anche per il turismo. Grave l’assenza al presidio dei governanti delle città di Bracciano e Anguillara, - proseguono - interessate dal problema data la vicinanza dei propri territori con l’area individuata, anche la non presenza dell’onorevole Minnucci (PD), deputato di riferimento della zona. Assente anche l’intera opposizione del consiglio comunale anguillarino, e di molti loro colleghi braccianesi, con l’unica eccezione rappresentata dai consiglieri Cinque Stelle di Bracciano. Ci sorprende - concludono - inoltre che nessuno dei membri del direttivo del Comitato di Quartiere n. 9 (Ponton dell’Elce, Albucceto, La Riccia e Colle Sabazio) di Anguillara Sabazia, che dovrebbe difendere in teoria proprio quella parte del comune più interessata, per contiguità, le aree sopra indicate, sia stato presente alla manifestazione. Era una grande occasione per tutelare i cittadini rappresentati, ma evidentemente non è stata così recepita” L’associazione “Diritti Cittadinanza del Lago” ritiene grave il comportamento di chi dovrebbe rappresentare istituzionalmente i cittadini e difendere il territorio, ruolo al quale si sono appositamente candidati, ma che tratta la questione dei rifiuti romani solo un fastidioso effetto collaterale.

Eventi
Giovedì 29 giugno dal tramonto fino a notte inoltrata
immagine

 

Redazione


TREVIGNANO ROMANO (RM) - Il ridente paesino di Trevignano Romano ha l'onore di ospitare “Caro…Swing” 2017, la prima edizione del Festival intitolato a Renato Carosone. E’ uno dei più importanti eventi multidisciplinari dell’estate trevignanese: è l'opera d'arte di un'intera comunità che – fregiandosi di accogliere le spoglie del compianto maestro nel cimitero – lavora per la sua realizzazione rispolverando dai bauli di famiglia accessori, foto ed abiti d’epoca. “Caro.swing” accoglie performers che si esibiscono in vari setting dislocati negli angoli più suggestivi del centro storico del borgo. Un evento - interamente gratuito - voluto dal territorio per il territorio. Dal tramonto, nella giornata del 29 giugno prossimo, la piazza del Comune e il borgo medievale di Trevignano Romano ospiteranno una grande festa all'aperto promossa dal Comune e organizzata da “Lalla Hop”, apprezzata regina degli eventi più prestigiosi legati allo swing che richiama attorno a sè vip e stelle nazionali ed internazionali dello spettacolo. L'evento diverrà un appuntamento annuale, con l'istituzione di un Premio intitolato al maestro per i musicisti del genere più meritevoli.
 
 
Il Festival vuol essere un tributo al grande artista partenopeo che portò la musica italiana in America: rivivremo insieme - come sarebbe piaciuto a lui, godendo delle sue allegre melodie - la spensieratezza di quei tempi andati. Oltre al saluto che porterà chi l'ha conosciuto e stimato, l'occasione sarà anche motivo di aggregazione per la comunità di amanti di un genere musicale elegante e sempre più in voga, in un'area nevralgica frequentata giornalmente da un turismo attento e selettivo. “Caro...Swing” si distingue per la qualità e la varietà di discipline e performance che ricreano atmosfere degli anni '40-'50: dal cartellone dipinto per farsi fotografare mettendo la testa nel foro, al fumetto d’antàn, da comparse vestite come su un set cinematografico alla possibilità di fare giri in lambretta sentendosi parte di un film retrò, alla degustazione del “gelato Renato”. Il prodotto artistico si rivolge a tutti senza distinzione di sorta, genere o pensiero. Per chi canta, balla, per chi è nostalgico, per chi ha poca memoria, e anche per chi si nasconde... quest'anno si sarà protagonisti di una serata unica!    
 
 
Ecco il programma:
 
MUSICA
Il gruppo “I Carosoni” faranno risuonare nel palco naturale della piazza principale i brani più celebri dell'artista, ricreando una dimensione magica, di fronte al brillante lago al tramonto.
 
MOTORI
In bella mostra, auto e moto d'epoca dei soci del circolo “La Manovella” e “Trevignano Moto Club” che hanno fatto la storia dei motori, del design e del costume: i legittimi proprietari di vetture e moto forniranno a passanti e curiosi tutte le informazioni sul loro glorioso passato.
 
COSTUME
Non può mancare il piccolo antiquariato: verrà allestito uno stand di oggetti, monili e accessori rari. Mescolate fra il pubblico, mannequin indosseranno preziosi abiti originali dell'epoca provenienti da collezione privata. In un corner dedicato, la coiffeur d'antan “Ginger Bread Head” creerà - per chiunque voglia - un'acconciatura adatta all'occasione, con i ferri e gli attrezzi del mestiere rigorosamente dell'epoca. Non mancheranno i consigli di portamento e gli accessori giusti per sentirsi, per un giorno, protagonista di un’epoca “che fu”.
 
BALLO
Come non ballare in un contesto del genere? Verranno insegnati i passi base a chiunque voglia cimentarsi nello swing, dietro la sapiente guida dei maestri di fama nazionale Eddy & Betty. Un flash mob di ballo ci terrà col fiato sospeso per l'esibizione di provetti danzatori della scuola Swing'O Roma, grazie alla ricca selezione di vinili curata dal famoso djArpad. 
 
BAMBINI
Come tradizione del Comune, un'attenzione particolare è dedicata ai bambini, prevedendo un'area creativa gestita dalla Scuola Romana del Fumetto, dove si potrà disegnare e conoscere le tecniche grafiche del passato in un laboratorio pratico che farà sprigionare la fantasia dei più piccoli.
 
FOTO
Spazio anche all'immagine: davanti ad un fondale decorato di piante e curatissimi particolari d'antàn, sarà creata dall’associazione culturale “A Trevignano Romano” una scenografia dove posare per una foto ricordo. Inoltre, shooting fotografici a tema con la partecipazione di modelle. Una serata-spettacolo adatto a tutte le età e alle famiglie. Infine, una fotogallery dedicata al grande musicista accompagnerà i visitatori per le vie del centro storico tanto amato da Carosone, lasciando loro un ricordo romantico e pieno di nostalgia per uno dei più bei borghi dell'entroterra laziale.
 
 
 
Per l'occasione, sono previste convenzioni con negozi, B&B e ristoranti. 
 
Orari:
giovedì 29 giugno dal tramonto fino a notte inoltrata
 
Parcheggi:
all'ingresso del paese, sul lungolago e in via Roma
 

Amministrative 2017
Non capiamo, anzi le conosciamo, quali possono essere le affinità tra candidati a sindaco tanto diversi
immagine

 

GUIDONIA (RM) - “Il movimento Noi con Salvini di Guidoni a Montecelio , che alle elezioni amministrative ha ottenuto l’ 8,21% con 2.589 voti, si è riunito insieme al coordinatore locale Iasevoli ed al provinciale Mercante con tutti i candidati. Con una sola voce abbiamo rimarcato il nostro NO deciso ad affiancare entrambi i candidati in lista per il ballottaggio che si terrà il 25 giugno. - ha ribadito Giovanna Ammaturo-, candidata a sindaco ed eletta nel consiglio- Abbiamo ottenuto questo risultato: siamo il terzo partito politico, primo del centro destra a Guidonia e primi nella intera provincia. Noi con Salvini ribadiamo un ruolo ed una politica che non ammette né inciuci né strapuntini. Rispettiamo la sovranità del Popolo e siamo contrari ed infastiditi a verificare che il voto degli elettori ancora una volta è stato svenduto. La democrazia si accetta ma da quello che vediamo e sentiamo un gruppo di vecchi amministratori scavalca i voti e svende le percentuali sul tavolo dei vantaggi ed opportunità personali. Solo a Guidonia pur in mancanza di affinità si sono trovate somiglianze politiche tra i candidati esclusi dal voto. Non capiamo, anzi le conosciamo, quali possono essere le affinità tra candidati a sindaco tanto diversi. Neppure la bassa disaffezione alla politica dimostrata dalla percentuale dei votanti , appena sotto il 50%, ha fatto desistere dal proseguire sui binari dello scambio. È facile intuire il tiro alla fune e la retromarcia del M5S su alcuni temi che il segretario Salvini ed il nostro movimento hanno a cuore da sempre. Dopo la massima disponibilità , leggasi emendamento al parlamento europeo per il riconoscimento del “migrante climatico”, il M5S fa retromarcia sull’eccesso di migranti e su situazioni oramai al collasso. 

Caos
C'è il rischio tilt dei servizi.Tra Roma e Lazio il caso rifiuti è veramente fuori controllo e in più c'è la questione dell'individuazione delle aree idonee ad accogliere impianti
immagine

 

di Chiara Rai

 

LAZIO - E’ emergenza rifiuti nel Lazio e soprattutto nell’hinterland della Capitale. Il motivo? La chiusura improvvisa del sito di conferimento dell'indifferenziato di Rida Ambiente che ha mandato in tilt decine di Comuni che che conferiscono i rifiuti nell'impianto di Aprilia. Parliamo di oltre un milione e settecentomila cittadini interessati da questo mancato conferimento. I disservizi sono stati improvvisi, dall’oggi al domani e all’origine ci sarebbe un contenzioso sorto tra Rida e la Regione Lazio. Quest’ultima a seguito dei controlli dell’Arpa, aveva intimato l’azienda di mettersi in regola rispetto ad 1 codice Cer nella linea di produzione cdr/css. Elementi che non incidevano assolutamente sull’operatività dell’impianto stesso per gli altri codici. La stessa Regione ha diffidato Rida ambiente parlando di “situazione di grave inadempienza venutasi a creare a causa della decisione della società che, arbitrariamente ed in maniera del tutto ingiustificata, ha interrotto il servizio di conferimento e trattamento dei rifiuti”. Dal canto suo in una nota la Rida ha sostanzialmente detto che ha dovuto prendere questa decisione perché altrimenti si sarebbe trovata a produrre contro legge e per questo si è "vista costretta a chiedere nuovi controlli urgenti e a bloccare temporaneamente l’impianto“

Perciò è arrivato il fermo improvviso: L’impianto di conferimento dei rifiuti RIDA AMBIENTE S.r.l. ha comunicato, senza preavviso alcuno, ai Comuni convenzionati di Albano Laziale, Anzio, Aprilia, Ariccia, Artena, Bassiano, Campo di Mele, Capranica Prenestina, Carpineto Romano, Cerveteri, Cisterna, Colleferro, Colonna, Cori, Fonte Nuova, Gavignano, Genazzano, Genzano di Roma, Gorga, Labico, Lanuvio, Lariano, Latina, Maenza, Marino, Monte San Biagio, Nemi, Nettuno, Olevano Romano, Pontinia, Priverno, Prossedi, Rocca Massima, Rocca Priora, Rocca Gorga, Rocca Secca, Sabaudia, San Felice Circeo, San Polo dei Cavalieri, San Vito Romano, Segni, Sermoneta, Sezze, Sonnino, Sperlonga, Tivoli, Valmontone e Velletri l’immediata interruzione del servizio. Nel frattempo il Comune di Albano Laziale ha fatto sapere che La Regione Lazio ha individuato l’impianto di Viterbo come alternativa. Nella giornata di ieri, il servizio è stato garantito almeno nel territorio di Albano. Oggi è stata ritirata regolarmente la frazione di umido, mentre l’indifferenziato è stato raccolto solo per il 60% delle utenze interessate. Tra Roma e Lazio il caso rifiuti è veramente fuori controllo e in più c'è la questione dell'individuazione delle aree idonee ad accogliere impianti di gestione dei rifiuti che pesa come un macigno sulle amministrazioni locali alle porte di Roma, a questo proposito i Consiglieri metropolitani Federico Ascani, Mauro Alessandri, Massimiliano Borelli, Flavio Gabbarini, Svetlana Celli, Pierluigi Sanna e Valeria Baglio hanno chiesto e ottenuto una seduta ad hoc. Infatti, il 26 giugno è stato convocato il Consiglio Metropolitano per discutere della situazione della gestione rifiuti

Eventi
Dal 30 giugno al 2 Luglio 2017 concerti, teatro, cultura nel centro storico affacciato sul lago
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM) - Torna ad Anguillara il Festival InStradArti: una ricca tre giorni dal 30 giugno al 2 luglio 2017 di concerti, teatro, cultura nel centro storico affacciato sul lago. La manifestazione, alla seconda edizione organizzata dall’Associazione Doppio Diesis col contributo dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale del Lazio e del Comune di Anguillara Sabazia, vedrà tutte le arti scendere in strada ad Anguillara per una tre giorni di musica, teatro, cultura, pittura, artigianato, tradizione e gusto. Oltre venti concerti, sei spettacoli e tantissime altre iniziative, distribuite in quattro location del centro storico, tutte affacciate sul lago di Bracciano.

Questi i numeri della II edizione di InStradArti in programma ad Anguillara Sabazia il 30 giugno ed il 1° e 2 Luglio 2017. L’arte esce dai conservatori, dalle sale prove, dai teatri e dagli auditorium e scende direttamente in strada in un’atmosfera di grande partecipazione e condivisione. Una formula già sperimentata con successo nel 2016 e che si arricchisce per l’edizione 2017. Oltre cento gli artisti coinvolti tra musicisti, attori, cantanti, burattinai, percussionisti, pittori, coristi. Si va dalla world music alla lirica, dai ritmi africani a quelli popolari, dal jazz al funky. Ogni appuntamento sarà un evento nell’evento. Si inizia sabato 30 giugno dalle 18 per una maratona di tre serate, tutte da vivere. La manifestazione, ideata ed organizzata dall’Associazione Doppio Diesis, in collaborazione con il Comune di Anguillara Sabazia e la Pro Loco Anguillara, si avvale di un contributo dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale del Lazio. Le iniziative sono tutte gratuite. Una organizzazione di grande impegno che mette insieme artisti italiani e stranieri. Un Festival, unico nel suo genere nel panorama artistico regionale, da non mancare.

La bagarre
Il pubblico invito è per giovedì 22 giugno 2017 ore 18 alla trasmissione Officina Stampa condotta da Chiara Rai
immagine

 

Redazione


ANGUILLARA (RM) - E’ bagarre su Facebook ad Anguillara dopo che la Regione Lazio ha approvato la variante al PRG del 2006, tra i cavalli di battaglia alla scorsa tornata elettorale del 2016 dei pentastellati. Una decisione, quella della Regione, forse attesa da parte degli amministratori che lo scorso 10 giugno hanno riunito un Consiglio comunale urgente e straordinario durante il quale si è approvata una nuova variante al PRG che le opposizioni hanno tacciato di illegittimità a causa della mancanza della VAS (Valutazione Ambientale Strategica) che andava obbligatoriamente richiesta prima dell’approvazione. E che, sempre secondo le opposizioni, è stata approvata “in tutta fretta” senza una consultazione popolare o delle associazioni di categoria. Fatto sta la delibera regionale 313 del 13 giugno è legge e quindi la variante al PRG del 2006 è entrata quindi in vigore o lo entrerà al momento della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Mentre la nuova variante deliberata dagli amministratori del Comune sabatino lo scorso 10 giugno non può certamente annullare gli effetti di una delibera che ha seguito un corso durato ben 11 anni e che ora è legge.

Sull’argomento in questione si sono espressi molti cittadini, alcuni dei quali rimproverano agli amministratori di non aver revocato in autotutela la variante al prg, l’assessore Andrea Piccioni  e il presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria che si è già reso disponibile per un confronto televisivo “face to face” con l’assessore Andrea Piccioni al fine di approfondire tecnicamente l’argomento e con la moderazione del direttore de L’Osservatore d’Italia Chiara Rai.

 

A questo punto rivolgiamo un pubblico invito per giovedì 22 giugno 2017 ore 18 sia all’assessore Andrea Piccioni che sul gruppo Facebook ha chiesto  di poterne parlare qualora gliene venga data la disponibilità e sia al presidente Sergio Manciuria ad intervenire alla trasmissione in diretta condotta da Chiara Rai “Officina Stampa” visibile tutti i giovedì dalle ore 18 su www.officinastampa.tv oppure direttamente sui social facebook o youtube cercando officina stampa, al fine di parlare di PRG ma anche del problema relativo le acque del lago e delle concessioni regionali per gli arenili relative Anguillara e Martignano.

 

La nostra redazione provvederà nelle prossime ore a inviare formale invito all'assessore Andrea Piccioni e al Presidente di AnguillaraSvolta Sergio Manciuria al fine di verificare la disponibilità di entrambi e poter quindi predisporre il palinsesto.

Il web Talk Officina Stampa viene trasmesso da Grottaferrata presso il locale BLACK JACK sito in viale Vittorio Veeto, 2 (Squarciarelli) e la diretta inizia alle ore 18 in punto.

Inizio
<< 10 precedenti
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX OFFICINASTAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact