Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Agricoltura & Economia
Regione Lazio, cessione quote Centro Agroalimentare Roma: è scontro con i vertici della società
27/03/2017 20:27:00
Pallottini: “L’impressione è che l’importanza e il peso del Car sull’economia del Lazio sia stata sottovalutata"
 
Redazione
 
La Regione Lazio si accinge a cedere le proprie quote del Centro agroalimentare Roma (Car), una delle più importanti strutture europee per la commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli e ittici. I vertici della società sono andati alla Pisana a esprimere in audizione la propria contrarietà alla decisione di dismettere le quote della Regione Lazio, attraverso una procedura ad evidenza pubblica varata dalla Giunta regionale.
 
Il presidente del Car, Valter Giammaria, e il direttore generale, Car Fabio Massimo Pallottini, sono stati ascoltati i dalla quarta commissione, Bilancio, presieduta da Simone Lupi (Pd), e dall’ottava, Attività produttive, presieduta da Daniele Fichera (Psi per Zingaretti). “Siamo venuti a conoscenza della cessione delle quote della Regione Lazio da un bando, perché nessuno ce lo ha comunicato”, ha esordito Giammaria. “Neppure la Camera di commercio è stata informata – ha proseguito Giammaria che peraltro è membro della Giunta camerale di Roma, ente proprietario (attraverso la Holding Camera Srl) di un terzo del pacchetto azionario della Società Centro Agroalimentare Roma CAR S.c.p.A (il 90% del capitale è pubblico) – In altre città italiane e europee l’attività svolta da questi centri è considerata strategica. Il Car è un riferimento per gli operatori, soprattutto in questo momento di crisi. L’andamento economico è positivo. Allora, vorremmo sapere perché a Roma l’attività svolta dal Car non dovrebbe essere considerata strategica. Al di là della legge nazionale – ha concluso Giammaria - che però altrove non viene applicata con la stessa solerzia, perché la Regione vuole dismettere le proprie quote?”.
 
“L’impressione è che l’importanza e il peso del Car sull’economia del Lazio sia stata sottovalutata – ha dichiarato Pallottini – Il Car è la più grande struttura italiana sia come fatturato che come giro d’affari. I circa 400 operatori all’interno del Car generano un volume d’affari pari a due miliardi di euro e danno lavoro a 3500 lavoratori. Il fatturato della società è di diciotto milioni di euro”. Pallottini ha ricordato l’importante ruolo del Car nella formazione trasparente dei prezzi, attraverso l’incontro tra offerta e domanda da parte degli intermediari, nel controllo sulla legalità, in un settore come l’agroalimentare sempre a rischio di infiltrazioni mafiose, e in materia sanitaria, attraverso l’analisi e il controllo dei prodotti all’interno della struttura.
Nel corso dell’audizione sono intervenuti alcuni consiglieri regionali. La consigliera Valentina Corrado (M5s) si domanda come mai la Regione Lazio abbia avviato speditamente la dismissione delle proprie quote nel Car, non avendo mai avuto nulla da eccepire, in qualità di socio, sulla gestione.
 
“Perché per il Mof (il centro agroalimentare di Fondi), dove la partecipazione regionale è maggiore, si è in una fase di stallo?”, ha concluso Corrado. Dal canto suo, Pietro Sbardella (Gruppo Misto) si domanda perché la questione della cessione non sia stata portata all’attenzione del Consiglio regionale. Più tranchant è Giancarlo Righini (FdI): “Abbiamo sempre contestato lo strumento del decreto in materia di dismissioni. E’ una modalità inaccettabile”. Per Fichera invece “è evidente che il settore è al centro delle strategie regionali, ma allora la domanda è la seguente: quale idea ha l’esecutivo di questa Regione del presidio che deve mantenere una volta che le quote del Car saranno in mano ad altri soggetti? Quale forma è stata immaginata?”.
L’assessore al Bilancio, Alessandra Sartore, accompagnata dall’assessore allo Sviluppo economico, Guido Fabiani, ha dichiarato di non poter rispondere entrando nel merito delle scelte, in quanto è in corso l’asta (scade il 3 maggio), per l’aggiudicazione della quota di proprietà della Regione Lazio. Sartore ha spiegato che la procedura si sta svolgendo in forza dalla normativa nazionale in materia di razionalizzazione delle partecipazioni pubbliche, peraltro in evoluzione, che obbliga la Regione a dismettere le quote di minoranza, salvo determinate fattispecie.
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact