Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Prevenzione
Regione Lazio, illustrati i programmi anticorruzione
13/03/2017 14:44:00
Si è voluto fortemente rilanciare lo strumento del whistleblowing (segnalazione illeciti)

 

"Abbiamo messo tanta carne al fuoco, sperando che non bruci. Una cosa è certa: questo fuoco non si spegnerà". Così Pompeo Savarino, direttore della struttura regionale per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità, ascoltato oggi in audizione dalla commissione consiliare speciale su infiltrazioni mafiose e criminalità organizzata. Savarino è approdato in Regione nel maggio 2016 dopo aver ricoperto per otto anni il ruolo di segretario generale al comune di Anzio. A febbraio ha approvato il nuovo piano anticorruzione regionale, sui cui contenuti ha incentrato il suo intervento alla Pisana.
 
Tre le direttrici lungo le quali ha mosso i primi passi dal suo insediamento. "In primo luogo ho voluto fortemente rilanciare lo strumento del whistleblowing (segnalazione illeciti), finora sottoutilizzato dai dipendenti pubblici regionali, per metterlo a disposizione anche di cittadini e imprese che si interfaccino con la Regione Lazio, allargando così il raggio d'azione". Savarino si è quindi soffermato sugli adempimenti relativi alle Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza (Ipab) presenti sul territorio regionale: "Ho trovato la massima disponibilità e collaborazione per mettere su una piccola squadra in grado, in pochi mesi, di colmare il grande vuoto di informazioni sul patrimonio disponibile e sulla natura giuridica di ciascun Ipab: oggi perlomeno siamo in grado di comprendere l'entità di ciò di cui stiamo parlando, ferme restando alcune criticità come l'assenza di revisori dei conti in alcuni istituti e, più in generale, una gestione troppo disomogenea da istituto a istituto".
 
Secondo Savarino, è auspicabile una semplificazione del quadro delle Ipab, anche mediante fusioni e privatizzazioni. Il direttore ha annunciato inoltre che la sua struttura analizza oramai in maniera analitica e non più a campione tutte le dichiarazioni e le autocertificazioni relative a inconferibilità e incompatibilità degli incarichi attribuiti dalle Ipab. Il terzo filone affrontato da Savarino ha riguardato i bandi, in via di definizione, riguardanti l'assegnazione di strutture confiscate alla malavita organizzata. "I criteri per dare in gestione la villa confiscata simbolo dei Casamonica, ad esempio, sono all'ordine del giorno della prossima giunta regionale e in settimana contiamo già di approvare il relativo bando, al quale spero davvero partecipino tante realtà della società civile".
 
Tra i consiglieri presenti, Marta Bonafoni (Mdp), ha richiamato, su quest'ultimo argomento, una precedente audizione con il presidente dell’Osservatorio tecnico-scientifico per la sicurezza e la legalità del Lazio, Giampiero Cioffredi, chiedendo maggiori informazioni sulla tempistica di tutti i futuri bandi che abbiano per oggetto la riutilizzazione  a scopo sociale e la ristrutturazione delle numerose strutture sottratte alla criminalità organizzata nel Lazio. Gian Paolo Manzella (Pd) si è invece soffermato sulla necessità di rotazione dei dirigenti per limitare casi di accumulo di informazioni e potere in singoli elementi della pubblica amministrazione per tempi prolungati. Il presidente Favara ha quindi suggerito meccanismi premiali per i funzionari che nel proprio curriculum vantino responsabilità di gestione e organizzazione di strutture diverse dello stesso ente. Gianluca Perilli (M5s) ha infine preteso rassicurazioni sulla effettiva terzietà della struttura diretta da Savarino rispetto a chi, di volta in volta, viene eletto alla guida della Regione Lazio. Rassicurazioni prontamente fornite da Savarino, che ha spiegato come l'Anticorruzione regionale sia attualmente slegata da vertici politici e amministrativi dell'ente che è tenuto a controllare ed eventualmente sanzionare.
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX OFFICINASTAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact