Tag Titolo Abstract Articolo
DISTANZIATORE
Il Caso
CRAC DIVINA PROVVIDENZA: SPUNTA IL NOME DEL CARDINALE VERSALDI
19/06/2015 13:05:00
La procura di Trani sta svolgendo accertamenti su due alti prelati.
di Angelo Barraco

Roma - Le indagini sul crac della Divina Provvidenza proseguono senza sosta e pian piano lo scenario che emerge prende risvolti sempre tinti di nero, come le toghe nere dei soggetti di cui stiamo per parlare. Il Card. Giuseppe Versaldi, ora prefetto dell’Educazione Cattolica, è stato intercettato mentre era al telefono con il manager Giuseppe Profiti. L’intercettazione è avvenuta in merito al crac da 500 milioni di euro della Casa di cura Divina Provvidenza di Bisceglie con sedi a Foggia e Potenza. Il card Versaldi suggerisce al manager, durante il corso della telefonata, di Tacere al Papa che una somma di 30 milioni dell'ospedale Bambino Gesù proveniente da fondi pubblici italiani sarebbe stata utilizzata per l'acquisizione dell'Idi. La conversazione è del 26 febbraio 2014 e si parla del tema da affrontare con il Papa, ovvero la destinazione di un fondo di 30 milioni di euro in favore dell’Idi, istituto dermopatico dell’immacolata, anziché l’Ospedale Bambino Gesù. Secondo gli inquirenti, i 30 milioni vennero assegnati al Bambino Gesu dalla legge di stabilità, ma in realtà vennero utilizzati da Versaldi e Profiti per l’altra struttura sanitaria, l’Idi. L’intenzione che avevano i due soggetti sarebbe stata quella di far riacquistare l’Idi, che prima apparteneva alla provincia italiana dei Figli dell’Immacolata, alla Congregazione religiosa generale utilizzando per tale scopo fondi che provenivano dallo Stato Italiano. Nell’inchiesta della procura di Trani, il cardinare Versaldi non è indagato allo stato attuale. Pochi giorni fa era uscita la notizia di due alti prelati su cui erano in corso accertamenti, uno di essi faceva parte della vecchia gestione dello Ior. Tale inchiesta ha portato ad un provvedimento di arresto per 10 persone e sono stati posti i domiciliari per il senatore Ncd Antonio Azzollini, ex Sindaco di Molfetta (Bari). Ricordiamo che  Tra le dieci persone coinvolte nell’inchiesta e tratte in arresto, vi sono anche due suore che sono state condotte ai domiciliari. Gli altri soggetti che sono stati tratti in arresto sono un ex direttore generale, amministratori di fatto, dei consulenti e dei dipendenti dell’Ente. Sono in totale 25 gli indagati e tra loro vi sono politici locali, amministratori della Cdp. Gli arresti sono stati eseguiti su richiesta di ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale di Trani e su richiesta della Procura della Repubblica locale. Le indagini si incentrano sul crac da 500 milioni di euro che ha subito la Congregazione Ancelle Divina Provvidenza, avente sedi a Bisceglie, Foggia e Potenza, attualmente si trova in amministrazione straordinaria. Nell’inchiesta sul crac delle case di cura Divina Preovvidenza che erano gestite dall’ente religioso denominato “Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza opera Don Uva onlus”, sono stati sequestrati dai finanzieri 32 milioni di euro più un immobile che era destinato a una clinica privata e appartenente all’ente “Casa di Procura Suore Ancelle della Divina Provvidenza”. Secondo l’accusa l’intestazione dell’immobile ad enti ecclesiastici aveva il fine di sottrarre i soggetti ai creditori ergo allo Stato. Il crac delle Case ammonta a 500 milioni di euro e i debiti nei confronti dello Stato ammontano a circa 350 milioni di euro. 

Gli accertamenti sui prelati. La procura di Trani infatti sta svolgendo accertamenti su due alti prelati. Uno dei due avrebbe avuto un ruolo nella vecchia gestione dello Ior. Intanto è stata notificata la custodia al domiciliari per il presidente della commissione Bilancio di Palazzo Madama Antonio Azzollini. Oltre ad Azzolini, ecco l’elenco delle nove persone raggiunte dall’ordinanza di custodia cautelare:  Dario Rizzi, 64 anni, ex direttore generale 'Divina Provvidenzà, Antonio Battiante, 43 anni, ex dg e amministratore di fatto dal 2010, e Rocco Di Terlizzi, amministratore dal luglio 2009. Ai domiciliari sono andati suor Marcella (all'anagrafe Rita Cesa, 74 anni), rappresentante legale pro tempore, suor Consolata (Assunta Puzzello, 72 anni), economa della Congregazione, Angelo Belsito, 68 anni, amministratore dal luglio 2009, Antonio Damascelli, 67 anni, consulente fiscale, Adriana Vasiljevic, 29 anni, e Augusto Toscani, 69 anni, collaboratori dell'ente ecclesiastico. Queste persone sono accusate di associazione a delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta e reati vari legati al crac delle case di cura Divina Provvidenza.
Pubblicitá
SEPARATORE 5PX OFFICINASTAMPA SEPARATORE 5PX SEPARATORE 5PX DISTANZIATORE
Tag cloud
Seguici su
Rss
L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direttore@osservatorelaziale.it)
questo sito è stato realizzato con il CMS Journalist | About | Contact